FIA Formula 2 Championship
Tanti fattori causa dell’incidente di Hubert

Tanti fattori causa dell’incidente di Hubert

Nessuna causa specifica, ma un insieme di fattori. È quanto emerge dall’inchiesta aperta dalla FIA subito dopo l’incidente di Spa che è costato la vita a Anthoine Hubert lo scorso agosto e che ha provocato gravissime ferite a Juan Manuel Correa.

I risultati di questa inchiesta sono stati resi noti oggi e chiariscono anche il fatto che tutti i piloti hanno reagito prontamente alle bandiere gialle.

In modo particolare l’indagine si è concentrata sul comportamento delle vetture di Hubert, Correa, Giuliano Alesi e Ralph Boschung. La sequenza dell’incidente si è svolta in 14,6 secondi e come era evidente è stata innescata dal testacoda della monoposto di Alesi (che ha poi costretto Boschung e Hubert a compiere una manovra estrema per evitarla), causato da una perdita di pressione sulla posteriore destra del francese.

Hubert, per evitare Alesi, ha poi toccato la parte posteriore della vettura di Boschung e senza l’ala anteriore della sua monoposto (che procedeva a 262 km/h) è finito contro le barriere a una velocità di circa 217 km/h e con un angolo approssimativo di 40 gradi.

Correa, con una sospensione e l’ala anteriore danneggiate dopo avere colpito alcuni detriti lasciati dalla monoposto di Alesi, non ha poi potuto fare nulla per evitare la macchina di Hubert, che ha colpito a una velocità di 218 km/h. La forza d’impatto sulla vettura di Hubert è stata calcolata in 81,8g. A causa di quest’ultimo la vettura del povero transalpino ha subito un’ulteriore accelerazione di 105,4 km/h.

La FIA ha inoltre osservato l’ottimo e tempestivo servizio prestato dai commissari. Una doppia bandiera gialla è stata esposta 2,5 secondi dopo lo scontro fatale tra Correa e Hubert e 2,7 secondi dopo è uscita anche la bandiera rossa. Una prima valutazione sulle condizioni di Hubert i medici hanno potuto farla 54 secondi dopo l’esposizione della bandiera rossa. Il team di estricazione è giunto sul luogo dell’incidente nell’arco di due minuti.

Share Button