ETCR
Tolti i veli all’Alfa Romeo Giulia ETCR

Tolti i veli all’Alfa Romeo Giulia ETCR

Lo scorso fine settimana, sulla pista spagnola del Motorland Aragón, è stata presentata l’Alfa Romeo Giulia ETCR – Romeo Ferraris e nella stessa occasione è andato in scena il primo evento promozionale in circuito del Pure ETCR. A togliere i veli alla berlina “full electric” sono stati Michela Cerruti, Operations Manager di Romeo Ferraris, e il francese Jean-Karl Vernay, già confermato come pilota per il debutto dell’Alfa Romeo Giulia ETCR. Dalle forme originali, l’Alfa Romeo Giulia ETCR è stata interamente progettata e disegnata dal reparto R&D di Hexathron Racing Systems diretto dall’ingegner Maurizio Soro, con il costante supporto di Marco Calovolo, CEO dell’azienda di engineering milanese. 

La collaborazione con Romeo Ferraris risale al 2018, quando a Hexathron Racing Systems è stato chiesto di riprogettare alcuni particolari della sospensione anteriore dell’Alfa Romeo Giulietta TCR, che hanno portato ad un netto miglioramento della performance. Il Team Mulsanne by Romeo Ferraris, diretto da Michela Cerruti e Mario Ferraris, ha poi finalizzato magistralmente il grande lavoro svolto ottenendo, dopo numerosi allori nel 2018 e 2019, la vittoria nel WTCR Trophy e il terzo posto assoluto nella classifica piloti 2020. 

Romeo Ferraris ha quindi dato mandato a Hexathron Racing Systems per realizzare il progetto della Giulia ETCR, che ha coinvolto per oltre un anno gli ingegneriSoro, Marco De Luciano, Erik Turlejski, Matteo Limongelli e Fabio Pennesi. L’attività del reparto R&D ha riguardato la progettazione completa del rollcage e le modifiche a scocca, sterzo, sospensioni, abitacolo, impianto frenante, impianto di sollevamento, installazione batterie, powertrain, impianto di raffreddamento. 

Di particolare impegno è stato il design del corpo vettura, dovendo coniugare prestazioni e stile, che ha comportato la progettazione completa di tutte le superfici della carrozzeria e l’ottimizzazione della fluidodinamica esterna ed interna, per i condotti di raffreddamento, con centinaia di ore di simulazione CFD, il tutto in sinergia con gli uomini di Romeo Ferraris. La vettura, equipaggiata con la batteria da 65 kWh (800 V), effettuerà tra breve la delibera funzionale presso il fornitore unico Williams Advanced Engineering.

Inverter Magelec, cambio e convertitori BrightLoop, e motore elettrico a rapporto fisso permetteranno di erogare una potenza continua di 300 kW, con un picco di 500 kW (circa 670 Cv a 12000 giri/minuto) con tre mappature disponibili, il tutto per un peso complessivo da regolamento di 1750 chili. 

Dopo oltre un anno di intenso lavoro, siamo orgogliosi che Alfa Romeo Giulia ETCR sia stata finalmente svelata al grande pubblico lo scorso weekend ad Aragon – ha commentato Marco Calovolo – Il progetto ci ha impegnato pressoché full-time per mesi, coinvolgendo nelle varie aree un totale sei persone di Hexathron Racing Systems, in stretta collaborazione con lo staff di Romeo Ferraris, che vorrei ringraziare personalmente per la disponibilità e la professionalità dimostrata in ogni fase operativa. È stato anche un grande sforzo organizzativo da parte nostra: per poter fronteggiare l’emergenza del Covid-19 e mantenere la piena operatività abbiamo attivato un sistema di connessione da remoto che ci ha permesso di non interrompere il nostro lavoro durante il lockdown della scorsa primavera. Siamo davvero entusiasti, e devo confessare emozionati, di quanto Alfa Romeo Giulia ETCR sia piaciuta, come abbiamo potuto riscontrare dall’incredibile interesse su web e social. Ora non ci resta che vederla in azione, compatibilmente con le tempistiche della delibera in UK e con le condizioni meteo, e seguire i primi test di sviluppo in pista con Romeo Ferraris“.

Share Button