Campionato Italiano Turismo TCR
Tavano: weekend perfetto

Tavano: weekend perfetto

Un fine settimana praticamente perfetto per Salvatore Tavano e la Cupra di Seat Motorsport Italia. Risultati che permettono al driver di continuare a navigare in vetta al campionato italiano Turismo TCR 2018.

Sul circuito del Santerno, Tavano dopo il terzo posto di Gara 1 è scattato dalla sesta posizione dalla griglia invertita di Gara 2 ed è salito in cattedra sin dalle prime curve. Pur dovendo lasciare il giro più veloce ad Enrico Bettera, su Audi RS3 Lms di Pit Lane Competizione, ha centrato il bottino grosso vincendo Gara 2 e blindando la leadership in campionato.

Con il terzo posto assoluto, sono salite le quotazioni alle sue spalle nella classifica tricolore di Matteo Greco, al volante della seconda Cupra, ma in versione con cambio DSG, schierata dalla squadra di Tarcisio Bernasconi. Per il giovane pilota torinese, non ancora 20enne, il weekend di Imola è valso anche il bis per il Trofeo Nazionale DSG dove ora punta a lanciarsi alla rincorsa al vertice tricolore.

Il secondo gradino del podio, nella tappa di Campionato che ha registrato il ritorno in pista della Subaru WRX STi, è stato firmato da Luca Rangoni che, salito per l’occasione sulla berlina giapponese della Top Run, si è portato nella scia del battistrada fin dalle prime battute senza, però, riuscire ad impensierirlo. Tuttavia ha festeggiato un piazzamento che ha motivato il marchio delle Pleiadi in vista dell’ultimo scorcio stagionale.

Grande protagonista della bagarre degli ultimi giri, Andrea Larini ha conquistato il quarto posto sulla Cupra di Pit Lane e precedendo Max Gagliano che, oltre a firmare la quinta posizione assoluta con una zampata all’ultimo giro, ha guadagnato il secondo del Trofeo Nazionale DSG sulla terza Cupra di Seat Motorsport Italia.

Dopo pole, vittoria e giro più veloce di Gara 1 Bettera ha concluso in sesta posizione Gara 2 precedendo l’austriaco Jürgen Schmarl sulla Honda Civic FK2 di Target Competition e Francesco Savoia sulla Cupra DSG di Gretaracing con la quale all’ultimo giro in ripartenza dalla safety car aveva pure provato un attacco spettacolare per la quarta posizione assoluta.

Luigi Ferrara, in rimonta dopo la penalizzazione di Gara 1, ha chiuso al nono sull’Alfa Romeo Giulietta by Romeo Ferraris della V-Action con la quale vede ora la vetta di Campionato va a 38,5 lunghezze scivolando anche in terza posizione.

Ha completato la top 10 Federico Paolino, anche lui in rimonta dalla 18esima posizione in griglia sulla Hyundai i30 N di BRC, mentre ha abbandonato la gara solo all’ultimo incandescente giro di gara Max Mugelli, fino a quel momento quarto sulla Civic di MM Motorsport con la quale aveva firmato il terzo giro più veloce.

Share Button