Varie
SRO numero 1 anche nel sociale

SRO numero 1 anche nel sociale

SRO Motorsports numero 1 anche fuori dalle piste. Lodevole l’iniziativa dell’organizzazione di Stéphane Ratel, che ha deciso di devolvere in varie opere benefiche tutti i proventi derivanti dalle multe inflitte nel corso della passata stagione ai piloti (come quelle per avere superato i limiti di velocità in corsia box o avere tenuto un atteggiamento antisportivo in pista) e ai team.

Tra gli enti a cui sono state destinate le somme va citata The Womanity Foundation, che lotta per i diritti delle donne nel mondo. Ma anche ICM (Institut du Cerveau et de la Moelle Epinière) che si occupa dello studio e del trattamente delle ferite cerebrali e spinali, assistendo i pazienti e le loro famiglie.

SRO Motorsports ha devoluto dei proventi anche all’Amouti Autisme, un’associazione no-profit creata nel gennaio del 2018 che vuole aiutare i bambini che vivono in una condizione di autismo. Un contributo è stato dato alla Legado Maria de Villota, fondazione dedicata alla pilotessa spagnola scomparsa qualche anno fa, e alla Enfants Copilotes, che vuole regalare a ragazzi e bambini che si trovano in condizioni di disagio fisico la possibilità di provare delle emozioni a bordo delle vetture da corsa nel ruolo di passeggeri. 

Come annunciato nell’aprile dello scorso anno, SRO Motorsports ha inoltre devoluto del denaro per la ricostruzione di Notre-Dame de Paris dopo l’incendio del 2019. 

Share Button