Campionato Italiano Gran Turismo
Seconda vittoria Audi nello Sprint

Seconda vittoria Audi nello Sprint

Seconda vittoria per la Audi nel Campionato Italiano Gran Turismo Sprint. Al Mugello, Mattia Drudi ed il leader della classifica Riccardo Agostini hanno conquistato il successo nella prima delle due gare del weekend grazie al sorpasso effettuato proprio alla fine dal pilota di Misano nei confronti della Lamborghini di Tuomas Tujula, che aveva ereditato il comando dal suo compagno di squadra Yuki Nemoto. Podio anche per l’altro equipaggio Lambo del Vincenzo Sospiri Racing formato da Leonardo Pulcini e Danny Kroes. Quarta la Mercedes di Lorenzo Ferrari e Loris Spinelli (Antonelli Motorsport), sempre nelle posizioni di testa.

Una prima fila tutta verde quella della prima gara del weekend, con le due Lamborghini del Vincenzo Sospiri Racing davanti. In pole per la prima volta c’è Yuki Nemoto. Al suo fianco il compagno di squadra Danny Kroes.

Al via lanciato la pista è ancora umida in alcuni tratti. Nemoto va al comando seguito dal suo compagno di squadra. Appena dietro la BMW di Stefano Comandini si tocca con la Audi di Riccardo Agostini e va in testacoda. Questo consente alla Ferrari di Alessio Rovera di portarsi quarta.

In testa alla GT4 c’è subito la Porsche Cayman di Riccardo Pera. Comandini dal fondo prova a recuperare. Intanto Lorenzo Ferrari, che ha perso una posizione scivolando settimo, attacca l’altra Ferrari di Daniele Di Amato e riesce a passarlo.

Giovanni Venturini al terzo giro supera sia Rovera che Agostini, completando davanti il terzetto Lambo con la vettura dell’Imperiale Racing. 

Dopo i primi dieci minuti Kroes prova l’attacco nei confronti del compagno di squadra Nemoto. Con le condizioni della pista che inizia ad asciugarsi, sia Agostini che Rovera perdono il ritmo scivolando sesto e settimo. Ad approfittarne è Ferrari, che risale quarto seguito da Michelotto e poi infila anche Venturini, passato anche da Michelotto.

Ad attaccare il pilota vicentino subito dopo è anche Agostini, mentre alle sue spalle Rovera è alle prese con Di Amato. Poi Venturini rientra ai box per sostituire un pneumatico che ha perso progressivamente pressione.

Kroes super intanto Nemoto e va al comando. Comandini invece continua la sua rimonta, ma prima delle soste finisce per girarsi, perdendo molte posizioni.

Poco prima delle soste Ferrari raggiunge Nemoto e prova a superarlo una prima volta. Iniziano intanto i doppiaggi. Uno di questi è Gian Piero Cristoni, che va in testacoda facendo girare anche il leader Kroes. L’olandese perde il comando della gara che va a Nemoto.

Il giapponese entra ai box nello stesso istante in cui lo fa la Mercedes di Ferrari. A salire in macchina al posto del giovane piacentino è Loris Spinelli, mentre Tuomas Tujula subentra a Nemoto e rientra sempre al comando.

Alessandro Baccani all’uscita dei box ha un problema con l’anteriore destra che si disintegra. Full Course Yellow e poi safety car, che libera la pista a soli dieci minuti dallo scadere del tempo. 

Alla ripartenza Tujula va sempre in testa. Dietro la lotta tra Kikko Galbiati e Sean Hudspeth finisce per lasciare un varco a Spinelli che si porta secondo seguito dalla Audi di Mattia Drudi, che ha rilevato Agostini. Leonardo Pulcini, salito in macchina al posto di Kroes, nel frattempo si porta quarto.

Galbiati alla staccata della San Lorenzo risale quinto superando Hudspeth. A due minuti dalla fine Drudi prende la scia in rettilineo di Spinelli e riesce a passarlo. Spinelli prova a resistere, ma non riesce a riprendersi la posizione. Dietro a Spinelli c’è l’altra Lamborghini di Pulcini. Poi, a un giro dall’arrivo, Drudi attacca la Huracán di Tujula approfittando di un’indecisione del finlandese nel doppiare la BMW M4 GT4 di Paolo Meloni e si porta in testa. 

Appena dietro Spinelli perde il terzo posto a poche curva dall’arrivo a favore di Pulcini privandolo del podio.

Una penalizzazione di 5″ per un’irregolarità nei cambi a motori spenti ha retrocesso quarta la Audi. Ma l’appello della squadra ha congelato al momento la classifica.

 

Campionato Italiano Gran Turismo Sprint, Gara 1

Mugello, 3 ottobre 202o

  1. Riccardo Agostini / Mattia Drudi (Audi R8 LMS GT3 / Audi Sport Italia) 24 laps, 52:54.489
  2. Yuki Nemoto / Tuomas Tujula (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Vincenzo Sospiri Racing) 0.600
  3. Danny Kroes / Leonardo Pulcini (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Vincenzo Sospiri Racing) 3.467
  4. Lorenzo Ferrari / Loris Spinelli (Mercedes-AMG GT3 / Antonelli Motorsport) 4.115
  5. Giovanni Venturini / Kikko Galbiati (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Imperiale Racing) 9.055
  6. Simon Mann / Matteo Cressoni (Ferrari 488 GT3 / AF Corse) 14.936
  7. Mattia Michelotto / Sean Hudspeth (Ferrari 488 GT3 / Easy Race) 26.109
  8. Alessio Rovera / Giorgio Roda (Ferrari 488 GT3 / AF Corse) 31.201
  9. Riccardo Cazzaniga / Lorenzo Marcucci (Lamborghini Huracán GT3 Evo / LP Racing) 31.459
  10. Daniele Di Amato / Alessandro Vezzoni (Ferrari 488 GT3 / RS Racing) 36.661
  11. Fadel Habib (Porsche 991 GT3 / Dinamic Motorsport) 48.575
  12. Marco Cassarà / Alex De Giacomi (Porsche 991 GT3 / Dinamic Motorsport) 52.089
  13. Matteo Greco / Riccardo Chiesa (Ferrari 488 Challenge / Easy Race) 1:17.834
  14. Mattia Di Giusto / Alberto De Amicis (Porsche Cayman GT4 / Ebimotors) 1 giro
  15. Andrea Belicchi / Jody Vullo (Mercedes-AMG GT4 / Villorba Corse) 1 giro
  16. Riccardo Pera / Paolo Gnemmi (Porsche Cayman GT4 / Ebimotors) 1 giro
  17. Gian Piero Cristoni / Luca Demarchi (Ferrari 488 Challenge / SR&R) 1 giro
  18. Vincenzo Sauto / Gianluca Carboni (Porsche 991 Cup / Duell Race) 1 giro
  19. Simone Riccitelli / Francesco Guerra (BMW M4 GT4 / BMW Team Italia) 1 giro
  20. Gianluigi Piccioli / Sabino De Castro (Porsche Cayman GT4 / Ebimotors) 1 giro
  21. Daniel Webster / Giacomo Riva (Porsche Cayman GT4 / Cram Motorsport) 1 giro
  22. Francesco Massimo De Luca / Luca Segù (Mercedes-AMG GT4 / Nova Race) 2 giri
  23. Stefano Comandini / Marius Zug (BMW M6 GT3 / BMW Team Italia) 2 giri
  24. Paolo Meloni (BMW M4 Gt4 / W&D Racing Team) 2 giri
  25. Luca Magnoni (Mercedes-AMG GT4 / Nova Race) 2 giri.

Ritirati: Alessandro Baccani (Porsche 997 GT3 / Ebimotors).

Giro più veloce: Leonardo Pulcini (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Vincenzo Sospiri Racing), 1:49.807, al 21° giro.

Share Button