Formula 1
Magnussen leader nel terzo giorno di test
Photo Credit: PHOTO4

Magnussen leader nel terzo giorno di test

È di Kevin Magnussen il miglior tempo assoluto al termine del terzo giorno dei test collettivi di F.1 in programma sul circuito spagnolo di Jerez. Il 21enne rookie danese è salito al volante della McLaren-Mercedes nel pomeriggio, stabilendo il responso di 1’23″276. Il campione in carica della F.Renault 3.5, figlio dell’ex pilota di F.1 Jan (che aveva fatto il suo debutto nei Gran Premi proprio con una McLaren-Mercedes nel ’95), ha completato 52 tornate. Il suo compagno di squadra Jenson Button era invece risultato il più veloce nel corso della mattina e ha continuato il lavoro che aveva iniziato ieri dopo non avere del tutto girato martedì.

È stato un giorno molto importante per me. Ero molto emozionato e la notte scorsa ho fatto persino fatica a prendere sonno. – ha rivelato Magnussen – Essendo un debuttante, ero ovviamente entusiasta di salire in macchina. In McLaren ormai conosco tutti: mi sono davvero sentito come a casa.

A causare la prima bandiera rossa della giornata è stata la Ferrari di Fernando Alonso ferma lungo il tracciato. Lo spagnolo, che in questa occasione ha fatto la sua prima uscita stagionale, ha percorso in totale 58 giri sulla F14 T. I problemi della Red Bull RB10 si sono ripresentati anche oggi e Daniel Ricciardo ha completato solamente tre tornate. Felipe Massa ha invece confermato lo stato di buona forma della Williams FW36 ed ha concluso con il secondo migliore responso, a 0″424 da Magnussen. Dietro di lui l’alta Mercedes di Lewis Hamilton. Niko Hulkenberg, per la prima volta al volante della VJM07 Sahara Force India, ha completato 17 giri a causa di alcuni problemi tecnici, ma ha ugualmente concluso sesto. Alle sue spalle la Toro Rosso di Jean-Eric Vergne.

Un incidente ha posto fine, un’ora prima del previsto, al test di Adrian Sutil, che ha sbattuto alla Curva 7 dopo avere percorso 34 giri con la Sauber-Ferrari. Verso la fine della sessione ho fatto alcuni “installation lap”. Nell’ultimo però le gomme hanno perso temperatura e ciò mi ha colto di sorpresa proprio mentre ero in fase di accelerazione all’uscita della curva, tra la terza e la quarta marcia. La vettura mi è improvvisamente sfuggita di mano e così sono finito fuori pista. Il danno è riparabile, ma bisognerà lavorare tutta la notte. – ha spiegato Sutil.

La Marussia spinta dal motore Ferrari ha fatto il suo debutto con Max Chilton, il quale ha tuttavia completato solo alcuni giri di installazione, così come la Caterham-Renault di Robin Frijns che ha lamentato un problema alla “power unit” subito dopo l’ora di pranzo.

 

Jerez de la Frontera SPA, 30 gennaio 2014
1. Kevin Magnussen – McLaren-Mercedes MP4-29 – 1’23″276, 52 giri
2. Felipe Massa – Williams-Mercedes FW36 – 1’23″700, 47 giri
3. Lewis Hamilton – Mercedes F1 W05 – 1’23″952, 62 giri
4. Jenson Button – McLaren-Mercedes MP4-29 – 1’25″030, 40 giri
5. Fernando Alonso – Ferrari F14 T – 1’25″495, 58 giri
6. Nico Hulkenberg – Sahara Force India-Mercedes VJM07 – 1’26″096, 17 giri
7. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso-Renault STR9 – 1’29″915, 30 giri
8. Adrian Sutil – Sauber-Ferrari C33 – 1’30″161, 34 giri
9. Robin Frijns – Caterham-Renault CT05 – st, 10 giri
10. Max Chilton – Marussia-Ferrari MR03 – st, 5 giri
11. Daniel Ricciardo – Red Bull-Renault RB10 – st, 3 giri

Share Button