European Le Mans Series
Oregon Team, poca fortuna
Photo Credit: MorAle/LR Photo

Oregon Team, poca fortuna

Red Bull Ring amaro per l’Oregon Team. Nel terzo dei sei appuntamenti dell’European Le Mans Series 2018, il team di Jerry Canevisio e Giorgio Testa ha raccolto una cocente delusione. E dire che il weekend  prometteva bene fin dalla vigilia, in virtù del settimo responso di classe ottenuto al termine delle qualifiche dalla Norma M3 LMP3 divisa, come nelle precedenti occasioni, da Riccardo Ponzio, Clément Mateu e Andrés Méndez.

Il circuito austriaco già lo scorso anno si era rivelato adatto alla “sportcar” francese dell’Oregon Team. Ed in gara Ponzio era stato anche autore di un buon primo “stint” di guida viaggiando sempre intorno all’ottava posizione.

Poi l’imprevisto: due LMP2 sono venute a contatto fra loro in fondo al rettilineo principale ed una di queste ha speronato e spedito in testacoda la Norma dell’Oregon Team in quel momento guidata da Mateu. A quel punto il transalpino è riuscito a proseguire, pur con una sospensione danneggiata, tornando ai box dove si è fatto di tutto per rimettere in pista la vettura. Mateu ha così potuto riprendere, lasciando in seguito il volante a Méndez, ma con dieci giri in meno.

“Eravamo molto competitivi e lo dimostra anche il fatto che abbiamo ottenuto il sesto giro più veloce in gara – ha commentato Canevisio – peccato per quanto è successo, soprattutto considerando che non avevamo alcuna colpa. Purtroppo sono cose che possono accadere e questa volta è andata male a noi”.

L’obiettivo sarà quello di rifarsi in occasione del prossimo round che si disputerà il 18 agosto sul circuito inglese di Silverstone e che precederà le due conclusive trasferte di Spa-Francorchamps e Portimão.

Share Button