Pirelli World Challenge
Mancinelli e Schirò in trionfo

Mancinelli e Schirò in trionfo

Daniel Mancinelli e Niccolò Schirò hanno conquistato nello Utah una preziosa vittoria nella serie SprintX del Pirelli World Challenge alternandosi al volante della Ferrari 488 GT3 del team TR3 Racing. Un’impresa che l’equipaggio italiano è riuscito a portare a termine in Gara 2, quando ha avuto la meglio sulla Acura NSX di Ryan Eversley e Tom Dyer, subito dietro a meno di un secondo dopo un arrivo in volata conseguente ad un lungo periodo di bandiere gialle. A fare la differenza in questo caso è stato Mancinelli, autore dello stint finale.

Il pilota marchigiano in Gara 1 aveva già potuto assaporare assieme a Schirò un altro podio, concludendo in seconda posizione dietro alla Acura di Peter Kox e Mark Wilkins (RealTime Racing) che alla partenza, scattando dalla pole, è riuscita a guadagnare un po’ di metri di vantaggio su Mancinelli, secondo in qualifica con un ritardo di soli tre centesimi. L’italiano si è subito messo all’inseguimento del leader, riuscendo a recuperare secondi importanti anche grazie al giro veloce fatto segnare nelle fasi iniziali. Durante le soste obbligatorie, l’equipaggio di testa è rientrato immediatamente ai box, mentre Daniel, potendo sfruttare la pista libera, ha completato un altro giro spingendo al massimo.

Perfetto il pit-stop del team TR3 Racing, con Mancinelli che ha lasciato la vettura al compagno di squadra Niccolò, il quale al rientro in pista è riuscito a portarsi in testa con un gap di tre secondi sulla Acura. Tuttavia, dopo alcuni giri, a causa di alcune gocce di pioggia, Schirò è finito in testacoda, perdendo la leadership ma chiudendo comunque in P2.

Al via di Gara 2, proprio Schirò è partito dalla pole position grazie al miglior tempo fatto segnare dal suo compagno di squadra in Gara 1. Dopo un ottimo avvio che lo ha visto nei primi 25 minuti guadagnare oltre tre secondi di vantaggio sul diretto inseguitore, al pit stop obbligatorio Mancinelli gli è subentrato al volante rientrando in pista con un discreto vantaggio sul secondo che è riuscito ad estendere fino a 11″. Vantaggio che è stato però cancellato dall’ingresso in pista della safety car in seguito ad un incidente. Al restart, Mancinelli è riuscito a guadagnare nuovamente qualche metro sulla Acura di Eversley-Dyer, che non è stato però sufficiente ad evitare un suo attacco in fondo al rettilineo di partenza. Il pilota marchigiano ha però saputo rispondere in uscita della prima curva, riuscendo a riportarsi in testa e a tagliare per primo il traguardo.

Grazie al terzo posto conquistato in Gara 2 con la loro Cadillac, Michael Cooper e Jordan Taylor  hanno potuto rafforzare la loro leadership nella classifica generale. Sempre in Gara 2 l’altro protagonista del campionato Alvaro Parente ha concluso in quarta posizione alternandosi al volante dell McLaren 650S della K-Pax Racing con il giovane pilota inglese Ben Barnicoat, dopo avere centrato sabato un sesto posto.

È stato un weekend fantastico, su un circuito molto bello, con uno scenario un po’ desertico e surreale” – ha dichiarato Mancinelli – “La nostra Ferrari 488 Gt3 preparata dal team TR3 racing è stata eccezionale e siamo riusciti a portarci a casa un secondo posto e una bellissima vittoria. Ora in campionato Sprint X siamo secondi. Ringrazio tutto il team per il grande lavoro fatto.”

Il prossimo appuntamento è in programma il 2 e 3 settembre sul Circuit of the Americas, in Texas.

 

Share Button