TCR Italy
Larini vince in safety

Larini vince in safety

Il meteo è stato decisivo nel secondo round stagionale del TCR Italy 2018 che è andato in scena sul circuito del Paul Ricard.

Dopo le prime ore del mattino, la pista del Gran Premio di Francia di Formula Uno, è stata infatti completamente invasa dalla pioggia che, anche se ha permesso la partenza di gara 2 in regime di Safety Car, ne ha imposto poi l’interruzione.

L’intensificarsi delle precipitazioni accertate dal direttore di prova dopo aver condotto anche un’ispezione alla presenza di direttore di gara, direttore della scuola federale oltre che del management dell’autodromo, impediva, infatti, la ripresa della corsa. La gara è stata perciò considerata valida essendo stata effettuata il 40% della durata totale prevista, mentre i punteggi di campionati sono attribuiti al 50% come da regolamento.

La classifica finale si è disegnata con lo stesso schieramento di partenza corrispondente all’ordine di arrivo di gara 1 con le prime otto posizioni invertite.

Vittoria perciò per Andrea Larini, sulla Cupra TCR di Pit Lane Competizioni, davanti a Federico Paolino, sulla Hyundai i30 N di BRC Racing TeamJosè RodriguesJürgen SchmarlMarco Pellegrini, sulle tre Honda Civic FK2 di Target Competition.

Matteo Greco, sulla Cupra TCR di Seat Motorsport Italia guidata in gara 1 da Salvatore Tavano, è sesto davanti alle Hyundai di Eric Scalvini(BRC Racing Team) e Nicola Baldan (Pit Lane Competizioni), mentre come nello stesso ordine di arrivo di gara 1, Giovanni Altoèè nono assoluto al volante della Audi RS3 Lms di Pit Lane Competizioni e primo per il Trofeo Nazionale DSGdavanti al compagno di squadra Ermanno Dionisioed agli austriaci Peter GrossGünter Benninger, sulle Leon di Wimmer Werk Motorsport.

A seguire il turco Çağlayan Çelik, sulla Seat Leon TCR nei colori della Toksport WRT, Alessandro Thellung, così sesto di DSG sulla Cupra di BF Motorsport, Luigi Ferrara, sull’Alfa Romeo Giulietta di V-Action, le Honda Civic di MM Motorsport con Lorenzo Nicoli sulla versione FK2 e Max Mugellisulla FK7 ed infine Enrico Bettera, sull’Audi RS3 Lms di Pit Lane Competizioni.

Share Button