MINI Challenge Italia
La prima di Tobia Zarpellon
Photo Credit: BMW Press

La prima di Tobia Zarpellon

Dopo Gustavo Sandrucci (vittorioso nella prima gara di Imola) e Gabriele Torelli, al Paul Ricard è stato il turno di Tobia Zarpellon. Il pilota del team Ceccato Motors by C.Z. Bassano ha conquistato il successo in Gara 2  con la pista bagnata. A sorpresa il secondo posto è andato al giornalista Francesco Neri, grande protagonista con la vettura VIP di MINI Italia.

Luca Rangoni ha concluso sul podio grazie alla penalizzazione di 5 secondi subita da Gabriele Torelli per avere causato il contatto che ha mandato in testacoda Alessio Alcidi. Il pilota della MINI Milano by Progetto Eventi, primo in Gara 1 e al suo secondo successo stagionale, ha potuto mantenere il comando della classifica John Cooper Works PRO e adesso precede di appena tre punti Gustavo Sandrucci, che ha concluso quinto dopo avere ottenuto il terzo posto in Gara 1 con la vettura di Cascioli by Melatini Racing.

Con via rinviato di oltre due ore a causa di un diluvio, la seconda gara del Paul Ricard del MINI Challenge Italia ha preso il via con la pista bagnata e la safety car. Con i primi otto della gara del sabato in posizione invertita, a scattare in pole è stato Zarpellon, in prima fila con Eduino Menapace. Dopo tre giri in SC, al via le prime tre posizioni sono rimaste invariate con Neri terzo. Sandrucci è subito risalito quinto, mentre Alcidi si è intraversato dopo il contatto avuto con Torelli perdendo alcune posizioni.

Due giri dopo Sandrucci è sfilato quarto, lottando con Rangoni. Poi Torelli ha superato entrambi portandosi quarto dietro a Menapace, che ha fatto un dritto consentendo a Neri di sorpassarlo. Sandrucci, alle prese con problemi di setup, è scivolato alle spalle di Rangoni. Con Zarpellon e Neri ancora primo e secondo, si è scatenata la lotta tra Rangoni e Torelli, alla fine terzo ma dopo il traguardo penalizzato.

Nella classe LITE la vittoria è andata a Alessandro Alcidi della AB Motor by CAAL Racing. Quarto Ugo Federico Bagnasco (Reggio Motori by Dinamic Motorsport) nei primi giri rallentato dal traction control che si era inavvertitamente inserito. Il sammarinese con tre vittorie continua a guidare la classifica.

CLASSIFICHE

Share Button