International GT Open
La Aston di Solaris settima
Photo Credit: FotoSpeedy

La Aston di Solaris settima

La stagione 2017 del team Solaris Motorsport nell’International GT Open ha preso il via con il settimo posto conquistato dall’equipaggio composto da Francesco Sini e Mauro Calamia nella seconda gara dell’appuntamento d’apertura che si è disputato sul circuito portoghese dell’Estoril. Un risultato che, dopo la disavventura dell’incidente occorso proprio a Sini nei test del Paul Ricard, suona come una ripartenza positiva.

La Aston Martin Vantage GT3 della squadra abruzzese, ricostruita da cima a fondo, non ha evidenziato problemi di sorta, salvo una costante carenza di grip che si è evidenziata per tutto il weekend.

Dopo avere fatto segnare il decimo miglior tempo assoluto nelle libere del venerdi, la vettura inglese al termine delle qualifiche del sabato effettuate da Calamia, si è posizionata in nona fila sullo schieramento di Gara 1. Lo svizzero, grazie ad un ottimo avvio, è risalito fino alla dodicesima posizione, per poi retrocedere quidicesimo in seguito ad un contatto con un avversario. Sini è quindi subentrato alla guida nel corso del pit-stop, lamentando forti problemi di guidabilità. La gara si è così ben presto trasformata in un test, con l’Aston Martin rientrata ben tre volte ai box per provare differenti soluzioni di setup.

La pioggia e l’aria fresca della domenica sono state congeniali alla vettura inglese, che nelle qualifiche del mattino si è innalzata con Sini alla guida fino alla in nona posizione, dopo una sessione che visto il pescarese lottare spesso per i primi cinque assoluto. In gara  “Ringhio” è stato uno dei grandi protagonisti della prima parte, grazie ad un’Aston Martin più performante. Al cambio pilota Calamia ha saputo sfruttare al meglio le gomme nuove ed è risalito fino alla settima piazza assoluta, grazie ad una tattica aggressiva ma intelligente che lo ha portato ad attaccare quando si poteva e a difendersi quando le condizioni di gara lo consigliavano. All’arrivo per Sini-Calamia è così arrivato il settimo posto assoluto ed quarto di classe tra i piloti PRO.

E’ stato un weekend strano, duro, per certi versi inaspettato. Abbiamo sofferto una generale mancanza di grip per tutto il fine settimana e questo ci ha portato a prestazioni di certo non proprio soddisfacenti. Domenica è andata un po’ meglio, ma non è sicuramente abbastanza. – ha commentato Francesco Sini – Se però consideriamo dove eravamo appena 20 giorni fa, allora il risultato dell’Estoril è comunque positivo

Visto come era iniziato il fine settimana, il settimo posto è un buon risultato. Tra sabato e domenica la macchina è migliorata sicuramente tanto, ma dobbiamo ancora lavorare perchè negli ultimi giri facevamo molta fatica. – ha detto Mauro Calamia. – Abbiamo un mese prima del prossimo appuntamento di Spa e cercheremo di capire cosa non ha funzionato qui all’Estoril per poterci presentare in Belgio competitivi già dalle libere del venerdi.”

Sapevamo che non sarebbe stato facile, purtroppo l’incidente ha rallentato i nostri piani e dovevamo controllare che tutto fosse in ordine. Eravamo in ritardo di preparazione e abbiamo lamentato una costante e continua mancanza di grip, in un modo abbastanza inaspettato. Abbiamo però avuto la capacità di reagire e portare a casa il settimo posto, Francesco sarebbe potuto entrare nella “top 5” nella seconda qualifica e Mauro ha messo sul piatto due ottimi e solidi stint. Risultati che ci fanno capire che il potenziale c’è, bisogna solo stabilizzarlo. Ci aspetta tanto lavoro in officina. A Spa vogliamo tornare a lottare per il podio come abbiamo già fatto lo scorso anno a Barcellona.” ha commentato Roberto Sini, team principal della Solaris Motorsport.

Share Button