Carrera Cup Italia
Il titolo a Quaresmini

Il titolo a Quaresmini

Ci è voluta l’ultima gara della stagione per designare il campione della Carrera Cup Italia 2018. Il titolo è andato a Gianmarco Quaresmini che ha centrato per la prima volta il tricolore di questa categoria.

Il 22enne pilota della Dinamic Motorsport – Centro Porsche Brescia, ha conquistato l’importante risultato grazie al terzo posto di Gara 2 ad Imola. Quaresmini ha tagliato l’ultimo traguardo della serie dietro al vincitore Simone Iaquinta (Ombra Racing – Centro Porsche Catania) ed a Tommaso Mosca (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) al termine di una corsa adrenalinica e suddivisa in due parti per via di una bandiera rossa esposta dopo tre giri completi servita per il ripristino delle condizioni di sicurezza della pista a seguito di un’uscita di Simone Pellegrinelli. Proprio il pilota di Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo non è scattato al meglio dalla pole position guadagnata grazie alla griglia inversa dopo il sesto posto ottenuto sabato in Gara 1 e si è visto sfilare dai rivali, con Iaquinta che a quel punto è riuscito a mantenere il comando del gran finale 2018 in ogni fase della corsa.

Alle sue spalle si è accesa la bagarre con Quaresmini che dapprima ha inseguito e poi ha pensato alla classifica ed ha ragionare preferendo in seguito mantenere il passo dei primi senza troppi affanni per laurearsi campione.

C’è stato il duello tra Enrico Fulgenzi (GDL Racing – Centro Porsche Latina), quarto al traguardo, Mosca e i due rivali che erano ancora in corsa per il titolo con Quaresmini: il suo compagno di squadra Diego Bertonelli (Centro Porsche Bologna) e il campione 2017 Alessio Rovera (Tsunami RT – Centro Porsche Padova).

Né il 20enne pilota toscano, classificato decimo dopo anche una penalità di 10 secondi rimediata per un sorpasso in regime di safety car, né il 23enne driver varesino, quinto grazie a una seconda parte di gara all’arrembaggio, sono però riusciti nell’impresa di scavalcare il leader della classifica.

Sesto posto, in rimonta, per Giovanni Berton, che ha concluso positivamente la stagione di AB Racing – Centri Porsche di Roma, mentre settimo e vincitore in Michelin Cup è stato Bashar Mardini (Gdl Racing). Il canadese già campione della categoria riservata ai gentlemen drivers ha preceduto sul podio Federico Reggiani, che con Dinamic Motorsport ha colto il primo podio personale nella serie tricolore, e Marco Cassarà, terzo per Ombra Racing – Centro Porsche Catania.

Sulla pista del Santerno si è deciso anche il titolo di Silver Cup. Vincenzo Montalbano si è laureato campione 2018 della categoria che impiega le 991 GT3 Cup gen.I. Il pilota di origine siciliana di Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano ha coronato il titolo con la terza vittoria consecutiva e festeggiato sul podio con il compagno di team Alessandro Satta, secondo, e Roberto Buffa. Quest’ultimo, giornalista torinese specializzato in tech e gaming, era all’esordio nell’automobilismo al volante della celebrativa Wild Car gestita da Dinamic Motorsport e Porsche Italia. Opportunità che Buffa si è guadagnando dopo essersi aggiudicato il talent tv di Mediaset “Race for Real”, iniziativa che ha “corso” in parallelo con la stagione della Carrera Cup Italia. Il fine settimana del Porsche Festival all’autodromo che sorge sulle rive del Santerno ha incoronato Dinamic Motorsport nella classifica Team.

Per la squadra emiliana di Giuliano Bottazzi e Maurizio Lusuardi si tratta del secondo titolo nel monomarca di Porsche Italia dopo quello agguantato nel 2016, stavolta ulteriormente impreziosito dall’assoluto conquistato da Quaresmini. Lo stesso neocampione ha infine concluso un weekend trionfale aggiudicandosi la nomination per l’International Shoot Out, la sfida finale che si terrà su un autodromo ancora top-secret con i piloti provenienti dalle varie Carrera Cup nazionali che per il vincitore mette in palio la possibilità di diventare pilota Junior ufficiale Porsche.

Al Virgin Radio Track erano presenti anche gli altri under 26 selezionati quest’anno per lo Scholarship Programme italiano: Diego Bertonelli, Daniele e Riccardo Cazzaniga, Luca Segù e Tommaso Mosca, quest’ultimo designato come Wild Car per l’evento internazionale.

Non solo la Carrera Cup Italia è stata protagonista a Imola. Il Porsche Festival ha coronato al meglio i 70 anni quest’anno festeggiati dalla casa tedesca. Anche domenica la kermesse organizzata da Porsche Italia ha offerto una serie di eventi speciali appositamente pensati per i possessori e gli appassionati del marchio.

“Non ho quasi parole – ha sottolineato il neocampione della Porsche Carrera Cup 2081, Gianmarco Quaresmini – sto provando un’emozione fortissima. Un weekend e soprattutto una domenica indimenticabili. È sempre stato il mio sogno vincere il titolo e finalmente ce l’ho fatta. La stagione è stata davvero lunga, all’inizio un po’ sfortunata, poi per noi le cose hanno iniziato a girare nel verso giusto e da Monza in poi sono arrivati i risultati più importanti. Oggi a Imola è stata una gara 2 molto difficile. Ero competitivo ma dopo i primi giri ho preferito cercare di gestire e ragionare in ottica titolo. La strategia ha funzionato e ora possiamo festeggiare davvero. In più si è aggiunta la nomination per l’International Shoot Out. Devo ringraziare Dinamic Motorsport e certamente anche Porsche Italia per questa grande opportunità. Un’altra emozione che ora mi dovrò giocare al meglio. Dobbiamo crederci!”.

Simone Iaquinta, vincitore Gara 2, è stato comunque tra i protagonisti di questa stagione, ed ha commentato la sua prestazione nella corsa che ha chiuso l’annata agonistica della serie tricolore.

“In questa gara era fondamentale mantenere sangue freddo – ha detto Iaquinta – c’era una tensione altissima, sia per la vittoria della gara stessa sia per le sorti del campionato. La macchina che mi ha dato Ombra Racing era perfetta, mi ha permesso di fare quello che volevo. Ho cercato di sfruttare questa situazione e sono riuscito a tenere testa a tutti dopo una bella partenza concludendo la stagione nel migliore dei modi”.

Felice anche Vincenzo Montalbano che ha vinto il titolo nella Silver Cup. Parla di sorpresa.

“Arrivare a questo risultato non era nelle previsioni – ha sottolineato Montalbano – perché all’inizio ho dovuto adattarmi alla vettura, in quanto provenivo da esperienze con auto a trazione anteriore. Mi sono però divertito e poi ho iniziato a prenderci sempre più la mano, fortunatamente è andato tutto bene. Questa è una vettura davvero bella da guidare. Sono felice per questo titolo, che ora cercherò di godermi prima di pianificare la prossima stagione”.

Risultati

  Driver Team Time Download Results
Race 1 Diego Bertonelli Dinamic Motorsport 15:23.213 / 5 L »
Race 2 Simone Iaquinta Ombra Racing 27:42.872 / 12 L »
Qualifying 1 Tommaso Mosca Tsunami RT 1:43.232 »
Qualifying 2 Alessio Rovera Tsunami RT 1:43.079 »
Free Practice Tommaso Mosca Tsunami RT 1:44.041 »
Share Button