Carrera Cup Italia
Iaquinta straordinario è bicampione
Photo Credit: Getty Images for Porsche Italia

Iaquinta straordinario è bicampione

Simone Iaquinta è il campione 2020 della Carrera Cup Italia. Il pilota del team Ghinzani Arco Motorsport ha compiuto un’impresa impossibile nella seconda gara di Monza, rimontando dal metà griglia fino al secondo posto che gli ha dato il secondo titolo consecutivo nel giorno che ha visto Aldo Festante conquistare una vittoria meritata.

Con i primi sei di Gara 1 in ordine invertito, è Emil Skaras a scattare dalla pole con la vettura della Ombra Racing. Assieme allo svedese in prima fila c’è Benedetto Strignano, protagonista sabato di un’ottima rimonta con cui è riuscito a conquistare il quinto posto. Gianmarco Quaresmini e Simone Iaquinta hanno a disposizione un set di gomme nuove “jolly”.

Al via Skaras scatta bene e va al comando davanti a Aldo Festante, che al termine del primo giro passa al comando alla Parabolica. Terzo è Strignano, tallonato da Riccardo Pera, che a sua volta è attaccato da Quaresmini. Skaras scivola quinto dietro a David Fumanelli.

All’inizio del quarto giro Pera supera Strignano e si porta secondo. Ma subito dopo il colpo di scena, con Quaresmini, in quel momento virtualmente campione, costretto a rallentare e poi a fermarsi lungo la pista. Incredibile la rimonta di Simone Iaquinta, che dalla 16ª posizione nel frattempo si è portato ottavo.

Il calabrese continua a recuperare portandosi sesto dietro a Skaras e Fumanelli.  A 16 minuti dalla fine Iaquinta supera lo svedese alla Roggia. Poco dopo nello stesso punto Marzio Moretti rimane coinvolto in un contatto.

Entra in pista la safety car. Riepilogano, al comando c’è ancora Festante. Poi Pera, Strignano, Fumanelli e Iaquinta, con gli ultimi due che si giocano il titolo negli ultimi 11 minuti.

Si riparte, con Pera che taglia la prima variante e restituisce subito dopo la posizione a Festante. Iaquinta è attaccato a Fumanelli, sempre quarto.

All’uscita dell’Ascari Fumanelli va largo all’uscita dell’Ascari e viene passato da Iaquinta. Ma l’incidente sempre all’Ascari del neo-campione della Silver Cup Stefano Bianconi e l’uscita in contemporanea di Gianluca Giorgi e Diego Locanto alla Parabolica, fa nuovamente entrare in pista la safety car.

Mancano 59” quando si riparte. Pera arriva lungo e tocca la vettura di Festante alla prima esse. Iaquinta passa terzo superando Strignano e lo subito fa subito dopo anche Fumanelli. Iaquinta attacca Pera per non rischiare di essere preso da Fumanelli. Il cosentino guadagna la seconda posizione alla Parabolica. In fondo al rettilineo anche Fumanelli supera Pera. Fumanelli attacca Iaquinta, ma fa un piccolo errore alla Roggia e perde qualche decimo. 

Le ultime curve sono senza fiato. Festante va a prendersi il successo. Dietro di loro Iaquinta è secondo ed è campione.

Fumanelli conquista il podio. Pera è quarto ma viene penalizzato di cinque secondi per il precedente contatto con Festante. Mardini è primo nella Michelin Cup e si laurea campione di classe.

 

Carrera Cup Italia. Monza, 8 novembre 2020

Gara 2

  1. Aldo Festante (Ombra Racing) 30:45.195, 14 giri
  2. Simone Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport) 0.235
  3. David Fumanelli (Q8 Hi Performance) 0.939
  4. Benedetto Strignano (AB Racing) 3.713
  5. Stefano Monaco (Dinamic Motorsport) 3.717
  6. Emil Skaras (Ombra Racing) 4.094
  7. Risto Vukov (GDL Racing) 4.549
  8. Alberto Cerqui (AB Racing) 4.567
  9. Lodovico Laurini (Dinamic Motorsport) 4.674
  10. Nicola Baldan (Dinamic Motorsport) 4.809
  11. Bashar Mardini (Tsunami RT) 6.443 Michelin Cup
  12. Riccardo Pera (Ebimotors) 6.680
  13. Leonardo Caglioni (Ombra Racing) 8.907
  14. Marco Galassi (Team Malucelli) 9.508 Michelin Cup
  15. Luca Pastorelli (Krypton) 10.066 Michelin Cup
  16. Massimiliano Donzelli (GDL Racing) 12.250 Michelin Cup
  17. Alessio Bacci (Raptor Engineering) 15.584
  18. Massimiliano Montagnese (GDL Racing) 19.734 Silver Cup
  19. Carlo Scarpellini (Tsunami RT) 21.430 Silver Cup
  20. Giacomo Barri (Raptor Engineering) 30.977

Non classificati: Diego Locanto (SVC Sport Management), Gianluca Giorgi (Ebimotors), Stefano Bianconi (Ghinzani Arco Motorsport), Marzio Moretti (Bonaldi Motorsport), Gianmarco Quaresmini (Tsunami RT)

Giro più veloce: Simone Iaquinta 1:49.557, 3° giro

Share Button