TCR Italy
Gagliano guida i test

Gagliano guida i test

Max Gagliano ha firmato il miglior tempo nella giornata di test che si è svolta ad Imola in vista del quinto round del TCR Italy 2017 in programma per il weekend del 10 settembre sempre all’autodromo Enzo e Dino Ferrari.

Il pilota della Pit Lane ha girato col tempo di 1’55.058 al volante della sua Golf GTI TCR precedendo il compagno di squadra Max Mugelli su Audi RS3 Lms con la quale è sceso in pista solo nella seconda parte della giornata.
Salito per la prima volta al volante della Golf poi restituita al compagno di colori Gagliano dopo la sessione mattutina, Nicola Baldan ha fermato i cronometri su 1’55.756.
In pista anche Max Arduini impegnato a sviluppare la Peugeot 308 Racing Cup in configurazione TCT. Il suo miglior tempo siglato al mattino è stato in 1’59.094.

“Sono molto contento, ma devo dire che ero già fiducioso – ha commentato Gagliano – fa sempre piacere trovarsi in testa nella classifica dei tempi, ma la gara sarà solo il prossimo weekend. Abbiamo provato diverse soluzioni di assetto ed in particolare nuovi profili aerodinamici al posteriore appena realizzati da Volkswagen Motorsport. Tutto ha funzionato al meglio”.

Soddisfatto Nicola Baldan, attuale capoclassifica del campionato: “E stata una giornata molto proficua anche se non ho provato la mia Leon. La mia presenza era solo per condividere con Gagliano il maggior numero di informazioni e sperimentare insieme nuove soluzioni. Credo che abbiamo fatto davvero un buon lavoro. Devo dire poi che non avevo mai provato la Golf ed è stato interessante capire come va. Golf e Leon in realtà si equivalgono, non ho riscontrato differenze significative, ma preferisco la mia…”.

Max Mugelli ha detto: “Pensando al numero di giri percorsi ed alle gomme già usate sono felicissimo. Gagliano ha fatto un ottimo tempo, ma io sono lì. Non è stato semplice anche perché l’Audi è oggettivamente troppo penalizzata nel Bop internazionale. 25 kg in più si sentono e si sentono tanto in una pista come Imola. Dove ci sono staccate violente come alla Rivazza o alla Tosa, ma anche ripartenze in salita alle Acque Minerali. In ogni caso io ci sono e l’ho dimostrato sempre quest’anno. Anche se mi è pure capitato di non poter festeggiare sul podio un terzo posto che mi è stato riconosciuto solo dopo gara… Sono comunque contento di questi test anche perché stiamo trovando soluzioni ai problemi di sottosterzo che registriamo da inizio stagione e devo continuare il mio affinamento con la trazione anteriore. Anche qui ad Imola, per esempio, non ci correvo dagli anni 90 sulle Saxo”.

Max Arduini, ha commentato: “Lo sviluppo della 308 continua. Qui ad Imola abbiamo adottato alcune nuove soluzioni sviluppate direttamente da Peugeot Sport. I miglioramenti si sono subito visti anche perché in termini di velocità massima abbiamo ridotto il divario dalle Leon. Qui ad Imola sono stati nell’ordine dei 3-4 km/h. Anche come tempo sul giro siamo soddisfatti perché in realtà abbiamo cercato le prestazioni solo al mattino. Nelle sessioni del pomeriggio ci siamo concentrati sullo sviluppo dei nuovi freno Brembo”.

Share Button