Euroformula Open
Drugovich è campione con RP

Drugovich è campione con RP

RP Motorsport e Felipe Drugovich sono campioni dell’Euroformula Open 2018 con un appuntamento di anticipo rispetto alla fine della stagione.

A Monza, il pilota brasiliano ha centrato un’altra doppietta nel sesto round del campionato. Una nuova dimostrazione di forza giunta al termine di una cavalcata trionfale caratterizzata fino ad ora da dieci vittorie ed otto pole position ottenute in dodici gare. Numeri da record per la superiorità di un binomio che ha monopolizzato la stagione consentendo, peraltro, alla scuderia piacentina di conquistare il sesto titolo negli ultimi sette anni.

Il tutto al termine di un weekend dove Drugovich è stato, ancora una volta, assoluto protagonista, pur dovendo fare i conti con una concorrenza particolarmente agguerrita: dopo essere scattato dalla terza posizione in griglia in Gara 1, il giovane driver di Maringà si è andato a prendere la testa del gruppo dopo poche tornate transitando sul traguardo con un margine di oltre 4” sul primo degli inseguitori e ponendo le basi per il successo del giorno dopo.

Al brasiliano sarebbe bastato un quarto posto per avere anche il conforto dei numeri per la conquista del titolo: Drugovich non ha avuto problemi centrando prima la pole position e poi dominando Gara 2 dall’inizio fino alla fine. Un trionfo che ha consentito a RP Motorsport di festeggiare ancora una volta il titolo sulla pista di casa, a distanza di un anno dall’impresa realizzata dal britannico Harrison Scott.

Buone notizie sono giunte anche dagli altri portacolori del team, che per l’occasione ai nastri di partenza ha schierato quattro monoposto. Bene anche i due debuttanti Leonardo Lorandi e Kaylen Frederick, per la prima volta al via nel campionato Euroformula Open. Il giovane pilota bresciano, attuale leader nell’Italian F4 Championship, si è subito ben distinto nella giornata di sabato, conquistando il sesto tempo in qualifica e strappando il quarto posto al termine di una combattutissima Gara 1. L’indomani, Lorandi si è visto impossibilitato ad andare oltre la quinta fila dello schieramento a causa di un piccolo guaio tecnico accusato nella parte finale delle qualifiche: in gara si è reso autore di una rimonta che lo ha visto risalire fino alla seconda posizione prima di venire centrato da Siebert alla Prima Variante ed essere costretto a retrocedere fino alla sesta piazza finale.

Il 16enne statunitense Kaylen Frederick ha positivamente impressionato alla sua “prima” con la nuova realtà: dopo essere stato frenato in Gara 1 da una foratura (ed aver concluso al 12° posto), in Gara 2 ha invece ottenuto la quinta piazza finale salendo, inoltre, sul secondo gradino del podio riservato ai rookie. Per quanto riguarda Guilherme Samaia, il brasiliano si è reso protagonista di un weekend dove ha messo in mostra lampi come dimostrato dal quinto tempo assoluto realizzato nelle qualifiche 1. Dopo una prima gara sfortunata che lo ha visto costretto a scontare un drive-through, nella seconda manche non è riuscito ad andare oltre la settima posizione, dopo aver comunque battagliato per tutti i 18 giri percorsi.

“È incredibile, sono davvero felice di aver conquistato il titolo! È stata una stagione entusiasmante – ha esclamato Felipe Drugovich – il team ha fatto un lavoro superbo mettendomi a disposizione anche in questa circostanza una vettura eccellente. Non è stato facile qui a Monza perché il gioco delle scie incide molto sui valori in campo, ma alla fine sia in gara che in qualifica siamo riusciti a tirare fuori quel qualcosa in più rispetto agli altri che ci ha consentito di fare la differenza. Ringrazio tutti coloro che mi hanno supportato, a partire dalla mia famiglia, passando poi per tutti i membri di questa grande squadra che mi ha messo nelle migliori condizioni per poter vincere. Adesso ci godremo il successo e poi penseremo a chiudere in bellezza il campionato”.

Niki Rocca, team manager RP Motorsport, ha sottolineato: “Siamo estremamente orgogliosi per questo fantastico risultato, giunto al termine di un’altra stagione dominata da un nostro pilota. Felipe è stato molto bravo a non commettere mai errori, dimostrandosi molto attento e maturo in ogni aspetto. Il team poi ha svolto un lavoro egregio, mostrandosi sempre all’altezza della situazione: devo quindi ringraziarli uno per uno per questo nuovo traguardo, anche se naturalmente non intendiamo fermarci qui!”.

Anche Fabio Pampado, team principal del team ha detto la sua al termine della gara sulla pista di Monza che ha consegnato l’ennesimo alloro alla squadra. “Una giornata fantastica, coronata da un’altra vittoria e dalla conquista del titolo proprio sulla nostra pista di casa – ha spiegato – bellissimo vedere tutta la gente che è venuta a salutarci correre con noi sotto il podio ed esultare per questo grande risultato. Desidero ringraziare tutti gli uomini del team, i nostri sponsor che continuano a supportarci con grande entusiasmo e Felipe per questa grande gioia che ci ha regalato. Si tratta di un’altra perla che andiamo ad aggiungere alla nostra collezione: ognuna di esse è speciale, ma non vogliamo di certo che sia l’ultima!”.

Guilherme Samaia ha spiegato: “E’ stato un week-end di alti e bassi per me, anche se sono al tempo stesso felicissimo per il team. Purtroppo alcune situazioni di gara non mi hanno favorito, come ad esempio il drive through subìto nella prima manche, anche se il potenziale per fare ancora meglio probabilmente c’era. Ora mi concentrerò sul finale di campionato con l’obiettivo di chiudere nel migliore dei modi e puntare ad un risultato di prestigio”.

Leonardo Lorandi ha commentato il suo weekend.

“Il bilancio di questa esperienza è senza dubbio positivo – ha osservato – sono salito per due volte sul podio riservato ai rookie, anche se mi sarebbe piaciuto di più poter essere presente anche in quello dell’assoluta! Credo che un risultato del genere sarebbe stato alla mia portata in gara-2 se non mi avessero tamponato rompendomi l’ala posteriore: in ogni caso sono soddisfatto e ringrazio il team RP Motorsport per questa grande opportunità”.

Kaylen Frederick ha detto:

“Abbiamo chiuso bene un fine settimana in crescendo. La mia esperienza era molto limitata, ma sono riuscito ad imparare in fretta molte cose grazie all’aiuto del team ed alla giornata di test svoltasi giovedì. Avere la possibilità di chiudere quinto in gara-2 e con il secondo posto tra i rookie direi che è un risultato che va oltre le mie aspettative: missione compiuta!”.

RP Motorsport tornerà in pista per il settimo e penultimo appuntamento stagionale il 6-7 ottobre sul circuito di Jerez de la Frontera.

Share Button