Porsche Mobil 1 Supercup
Drudi sfiora il podio in Austria

Drudi sfiora il podio in Austria

Si chiude con un altro risultato positivo il weekend austriaco del team Dinamic Motorsport. Mattia Drudi, infatti, ha chiuso ad un passo dal podio nel terzo appuntamento della Porsche Mobil 1 Supercup che si è corso al Red Bull Ring.

Il giovane riminese, scattato dalla seconda piazza, ha mantenuto la posizione fino a pochi chilometri dal traguardo quando, un improvviso sovrasterzo probabilmente dovuto all’usura degli pneumatici, lo ha fatto scivolare al quarto posto. Un risultato positivo che però lascia un filo di rammarico sia a Drudi che al team reggiano: ”Effettivamente questo risultato ci lascia un po’ l’amaro in bocca – commenta Drudi dopo la bandiera a scacchi – Per un quarto posto ci avrei messo la firma alla vigilia ma dopo le prove libere e le qualifiche, dove avevamo visto di avere le potenzialità per essere lì davanti, chiudere quarti è un peccato, un’occasione persa per salire sul podio. Dobbiamo lavorare ancora sul setup di gara, ho fatto quasi il 90% della gara secondo, in lotta con Ammermuller, poi alla prima curva la macchina mi è partita all’improvviso in sovrasterzo, e quando si è tutti così vicini basta un attimo per perdere molte posizioni. In ogni caso, guardando al risultato generale, questo è molto buono e abbiamo già un’ottima base per puntare ancora in alto, e sono sicuro ci rifaremo già da Silverstone”.

Il Red Bull Ring non ha invece sorriso agli altri due alfieri Dinamic Motorsport, Daniele Di Amato e Giovanni Berton. Il romano ha vissuto un fine settimana difficile dopo quello positivo di Montecarlo, un risultato fuori dalla Top 20 dovuto a una serie di episodi sfortunati: “È stato un weekend no, partito in salita sin dalle prove libere e proseguito in qualifica. Nonostante i problemi di trazione, in gara stavo recuperando bene, arrivando fino all’undicesima posizione dopo una bella battaglia con Ashkanani e Morin. Negli ultimi giri però un problema a una gomma non mi consentiva di girare bene e questo ha portato la mia Porsche a finire al di là dei limiti della pista in alcuni passaggi, e questo non è piaciuto ai Commissari Sportivi. Purtroppo anche la radio non ha funzionato bene in gara impedendomi di ricevere gli avvertimenti da parte della Direzione Gara. Un peccato perché il passo gara era buono, soprattutto quando non ero in lotta con altre auto, e questo poteva significare punti importanti in ottica campionato. Guardo però con ottimismo al prossimo appuntamento di Silverstone, che è una delle mie piste preferite!”.

Dietro a Di Amato ha quindi chiuso Giovanni Berton, alla sua seconda partecipazione stagionale: per il pilota di Cavarzere in ventisettesima posizione: “Purtroppo è un risultato che non è quello che mi aspettavo. In qualifica potevo entrare nella Top 15 ma nell’ultimo run non siamo riusciti a migliorare. In gara avevo un ottimo passo, come dimostrato dal mio giro più veloce molto vicino a quello dei primi, ma anche qui non siamo riusciti a concretizzare”.

Per il circus della Porsche Mobil 1 Supercup non ci sarà sosta: dal Red Bull Ring team e piloti sono già in viaggio verso Silverstone, dove questo fine settimana si correrà il quarto round della serie; per Dinamic Motorsport un doppio impegno, vista la concomitanza al Mugello con la Porsche Carrera Cup Italia.

Share Button