Campionato Italiano Gran Turismo
Di Amato torna e vince
Photo Credit: ACI Sport

Di Amato torna e vince

Al suo primo impegno stagionale, Daniele Di Amato ha vinto la prima delle due gare di Misano del Campionato Italiano  Gran Turismo Sprint. Il romano, secondo nella prima sessione di qualifica con la Ferrari della RS Racing, è stato sempre in lotta per la prima posizione, prendendo il comando dopo i pit-stop e raccogliendo un successo importante. Doppietta delle vetture di Maranello con l’equipaggio della AF Corse formato dal poleman Antonio Fuoco e Sean Hudspeth, mentre la Audi di Daniel Mancinelli e Vito Postiglione ha conquistato il terzo posto.

Al via Fuoco scatta bene. Alle sue spalle lo stesso fa Riccardo Agostini, con l’altra Audi, che dalla seconda fila prova a superare Di Amato. Il romano però allarga costringendo il pilota della Audi a mettere due ruote sull’erba. Ne approfitta Jonathan Cecotto, che si infila con la Lamborghini della LP Racing e si porta terzo davanti proprio ad Agostini. Mancinelli perde invece una posizione a vantaggio della BMW di Marius Zug che risale quinto, prima di retrocedere nuovamente dietro a Mancinelli nel corso del quinto giro.

Dopo nove minuti la safety car per l’uscita di pista della Porsche di Carlo Curti. Alla ripartenza Di Amato non perde terreno nei confronti di Fuoco, con Cecotto sempre terzo un poco più distanziato e tallonato dalle due Audi di Agostini e Mancinelli, con quest’ultimo che nel frattempo ha ripassato Zug. Poi Agostini lascia passare il suo compagno Mancinelli. Bella rimonta dietro di Alex Frassineti, che si va a prendere la sesta posizione con la Lamborghini di Imperiale Racing ai danni di Zug.

Si apre la finestra dei pit-stop e dopo le soste al comando c’è Hudspeth seguito da Pietro Perolini, che ha preso nel frattempo il posto di Cecotto. Ma Di Amato supera entrambi e a 13 minuti dalla fine si porta in testa. Recupera bene anche Postiglione (subentrato a Mancinelli), che passa a sua volta Perolini e si va a prendere il terzo posto. Lorenzo Ferrari, in equpaggio con Agostini, da settimo invece risale quinto, lottando con la Lamborghini che Frassineti nel corso delle soste ha lasciato nelle mani di Luca Ghiotto. Poi il contatto tra la Mercedes-AMG GT4 di Enrico Garbelli e la Lamborghini Super Trofeo di Luciano Privitelio che fa entrare la safety car.

A meno di cinque minuti dallo scadere del tempo la nuova partenza. Con Ferrari che passa prima la BMW di Stefano Comandini (in seguito costretto a ritirarsi) e poi lotta con Ghiotto, portandosi per un attimo davanti prima di dovere nuovamente cedere strada al veloce veneto.

Nelle altre classi in GT Cup vince la Lamborghini della Best Lap di Max Mugelli e Lorenzo Pegoraro. In GT4 successo della Porsche Cayman di Riccardo Pera e Matteo Di Giusto.

 

CAMPIONATO ITALIANO GRAN TURISMO
Gara 1. Misano, 5 giugno 2021
1. Daniele Di Amato (Ferrari 488 GT3 / RS Racing) 30 giri 52:11.748
2. Antonio Fuoco – Sean Hudspeth (Ferrari 488 GT3 Evo / AF Corse) +4.635
3. Daniel Mancinelli – Vito Postiglione (Audi R8 LMS GT3 / Audi Sport Italia) +4.991
4. Alex Frassineti – Luca Ghiotto (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Imperiale Racing) +10.899
5. Riccardo Agostini – Lorenzo Ferrari (Audi R8 LMS GT3 / Audi Sport Italia) +11.481
6. Simon Mann – Toni Vilander (Ferrari 488 GT3 / AF Corse) +13.463
7. Jonathan Cecotto – Pietro Perolini (Lamborghini Huracán GT3 Evo / LP Racing) +13.515
8. Francesco Massimo De Luca – Jacopo Guidetti (Honda NSX / Nova Race) +17.095
9. Murat Cuhadaroglu – David Fumanelli (Ferrari 488 GT3 Evo / Kessel Racing) +17.372
10. Bar Baruch – Luca Segù (Mercedes-AMG GT3 / AKM Motorsport) +17.604
11. Fabrizio Crestani – Matteo Greco (Ferrari 488 GT3 Evo / Easy Race) +18.168
12. Matteo Llarena – Stuart Middleton (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Imperiale Racing) +19.266
13. Simone Iacone – Sascha Tempesta (Lamborghini Huracán GT3 Evo / Vincenzo Sospiri Racing) +19.674
14. Jorge Cabezas – Erwin Zanotti (Honda NSX / Nova Race) +22.276
15. Lorenzo Casè – Peter Mann (Ferrari 488 GT3 / AF Corse) +25.298
16. Niccolò Schirò – Steve Earle (Ferrari 488 GT3 Evo / Kessel Racing) +53.404
17. Max Mugelli – Lorenzo Pegoraro (Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo / Best Lap) +54.542
18. Luca Demarchi – Nicholas Risitano (Ferrari 488 Challenge / SR&R) +1 giro
19. Francesco La Mazza – Giuseppe Nicolosi (Porsche 911 GT3 Cup / Krypton Motorsport) +1 giro
20. Mattia Di Giusto – Riccardo Pera (Porsche Cayman 982 / Ebimotors) +1 giro
21. Maurizio Pitorri – Gianluigi Simonelli (Ferrari 488 Challenge / Best Lap) +1 giro
22. Diego Di Fabio – Luca Magnoni (Mercedes-AMG GT4 / Nova Race) +1 giro
23. Francesca Linossi – Daniel Vebster (Ferrari 488 Challenge / Easy Race) +1 giro
24. Stefano Comandini – Marius Zug (BMW M6 GT3 / Ceccato Racing) +2 giri
25. Luca Filippi – Alberto Lippi (Ferrari 488 GT3 Evo / RAM Autoracing) +2 giri
26. Carlo Curti (Porsche 991 GT3 Cup / Tsunami RT) +2 giri
27. Giuseppe Fascicolo – Nicola Neri (BMW M4 GT4 / Ceccato Racing) +2 giri
28. Dario Cerati – Giuseppe Ghezzi (Porsche 718 Cayman GT4 / Autorlando Sport) +2 giri
29. Fulvio Ferri – Enrico Garbelli (Mercedes-AMG GT4 / Nova Race) +2 giri
30. Matteo Arrigosi – Sabino De Castro (Porsche Cayman 982 / Ebimotors) +3 giri
31. Michael Frederic Fischbaum – Miloš Pavlović (Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo / Bonaldi Motorsport) +4 giri
Ritirati
Luciano Privitelio (Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo / Rexal FFF Racing Team) 20 giri
Giovanni Berton – Giacomo Riva (Porsche 911 GT3 Cup / Krypton Motorsport) 16 giri
Gianluca Carboni – Emanuele Romani (Porsche 718 Cayman GT4 / Autorlando Sport) 28 giri
Giacomo Barri – Ermanno Dionisio (Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo) –
Giro più veloce: Antonio Fuoco (Ferrari 488 GT3 Evo / AF Corse) 3. giro 1:32.899

Share Button