International GT Open
Di Amato-Montermini a segno

Di Amato-Montermini a segno

A Le Castellet, vittoria della Ferrari 488 GT3 del Team RS Racing (CDP) di Daniele Di Amato ed Andrea Montermini. Il duo ha centrato il successo in gara 2 del secondo round della stagione 2018 della International GT Open che si è corso sul circuito francese di Paul Ricard.

Si è chiuso nel migliore dei modi un fine settimana iniziato in affanno e concluso in trionfo grazie al lavoro della squadra capitanata da Renato Di Amato affiancata dal brand +Energia con il patron Sergio Marinangeli presente sulla pista transalpina a condividere ogni momento della trasferta.

L’equipaggio formato dal giovane pilota romano e dal driver modenese già F.1 ha regalato il pieno di punti al team umbro coordinato da Renato Di Amato, protagonista della serie internazionale con la supercar di Maranello nella livrea +Energia, dopo il podio conquistato nel round portoghese dell’Estoril.

Il week end francese si è aperto con un sesto ed un quarto tempo registrato in qualifica per i due piloti, che hanno centrato la terza e la quarta fila con pochi giri a disposizione, dopo che un sensore capriccioso ha costretto l’itero team agli straordinari.

In gara 1 Montermini, mentre difendeva la posizione di partenza, si è trovato coinvolto involontariamente in una bagarre ed ha subìto un contatto, a causa del quale uno pneumatico si è lentamente afflosciato, costringendo il pilota ad una sosta imprevista che ha compromesso la gara conclusa all’11° posto. In gara 2 scattato dalla quarta posizione, l’equipaggio italiano ha dato il meglio, con il pieno e fondamentale supporto degli uomini del team ed ha concluso la tenace rimonta siglando il successo. Daniele Di Amato ha fatto un ottimo lavoro assecondato da un set di gomme perfetto, sulla pista molto veloce nella giornata di domenica, come hanno ben confermato i tempi sul giro nettamente migliori. Il lavoro ha pagato Di Amato con una prima parte di gara molto consistente dei più accreditati avversari. Al cambio gomme senza penalità, Montermini è uscito dietro la BMW leader in quel momento con un ritmo assolutamente elevato. Per il pilota modenese è stato fondamentale il risparmio delle gomme da usare appieno nella decisiva fase di attacco, sferrato al momento opportuno quando gli avversari avevano già usato ogni risorsa, artigliando una vittoria importante per il team italiano.

Daniele Di Amato ha svolto un lavoro eccellente, tanto in qualifica quanto in gara, i suoi stint di guida sono stati fondamentali – ha spiegato Montermini – nel duello finale con la BMW è stata decisiva la strategia per battere un avversario che poteva metterci in difficoltà in alcune fasi, soprattutto in accelerazione dove il balance of performance è più favorevole per quel tipo di vettura. Il team ed i suoi partner si rivelano sempre il nostro punto di forza”.

Share Button