European Le Mans Series
De Marchi in rimonta

De Marchi in rimonta

La European Le Mans Series 2018 è ripartita dal Red Bull Ring austriaco dopo la pausa sulla 24h di Le Mans. Il weekend si è aperto, come di consueto, con le prove libere del venerdì, in cui Luca De Marchi si è alternato alla guida della Ligier JS P3 di Inter Europol Competition insieme ai suoi compagni di squadra Paul Sheushner e Guglielmo Belotti, aggiunto alla squadra in occasione della tappa austriaca. L’inizio del weekend ha permesso a De Marchi di conoscere meglio il circuito, dopo averlo potuto “assaggiare” per alcuni giri nel test collettivo del mercoledì.

Se la giornata di venerdì, nonostante alcune nuvole, permetteva lo svolgimento delle prove con un meteo asciutto e caldo, il sabato ha invece visto De Luca entrare per primo nelle seconde prove libere, costretto a montare le gomme da bagnato dopo un paio di giri di rodaggio di nuovi materiali per la gara; interssante il passo sotto la pioggia, in cui è stato tra i più veloci.

La qualifica, affidata a Sheuschner, è stata segnata dall’abuso dei limiti del circuito da parte del pilota tedesco, fatto che porterà all’annullamento dei tempi con conseguente partenza dall’ultima posizione in griglia.

La gara di domenica, con lo start alle 12 sotto un cielo soleggiato, ha visto per la prima parte Paul Sheushner alla guida, che ha portato la vettura fino alla 17esima posizione in una fase di gara regolare.

De Marchi ha preso poi il testimone dopo la prima ora di gara, per proseguire con uno stint di 2 ore, intervallato da una sosta per il rifornimento. Proprio in questa parte di gara il meteo ha iniziato a farsi più imprevedibile con il sole che ha lasciato spazio a nuvole sempre più minacciose e pioggia che è  cauta a intermittenza in diverse parti del circuito, rendendo complicata l’interpretazione dello stesso.

In queste condizioni, che hanno dato origine a numerose uscite di pista con ingresso della safety car, e diverse neutralizzazioni della corsa tramite il regime di “full course yellow” (che ha obbligato tutte le auto a mantenere gli 80KM/h per un certo lasso di tempo deciso dalla direzione gara) De Marchi è riuscito a completare il proprio lavoro portando la vettura dalla 17esima alla decima posizione, lasciando quindi la vettura a Belotti.

La gara è proseguita con un meteo complicato: i piovaschi si sono alternati a momenti di asciutto, e la poca esperienza di Belotti con la vettura non gli ha permesso di mantenere la posizione chiudendo in 11esima posizione.

“Sono contento dei progressi che sto facendo con la macchina – ha sottolineato Luca Demarchi – c’è ancora tanto da lavorare per essere regolarmente veloci sempre quanto serve, ma d’altra parte sono contento di aver saputo interpretare bene alcune situazioni, come la pioggia nelle prove libere 2, in cui sono stato tra i più veloci e mi sono trovato molto bene. Per me questa come le prossime tappe saranno complicate dalla non conoscenza dei circuiti, e qui per me la prima parte di gara è stata un pò più complicata, come fosse il proseguimento di quanto fatto nelle prove libere 1; continuando però ho saputo poi trovare un buon passo ed interpretare bene le difficili situazioni  alternate di pioggia e asciutto, con le condizioni della pista che cambiavano curva per curva e giro per giro: non ho fatto errori e ho portato la macchina fino al decimo posto, aggiungendo un tassello a quello che è l’apprendistato che quest’anno devo fare in questa serie completamente nuova per me”.

Share Button