Clio Cup Italia
Clio: Sandrucci dopo tre anni

Clio: Sandrucci dopo tre anni

Massimiliano Danetti è campione. Anzi no. Perché la classifica della Clio Cup Italia, dopo l’ultima gara di Imola, rimane sub iudice in seguito all’appello relativo all’appuntamento del Mugello. Quello che è certo è che a conquistare il successo nel conclusivo appuntamento della stagione è stato Gustavo Sandrucci, in testa dal primo all’ultimo giro. Una vittoria che al viterbese, negli ultimi tre anni indiscusso dominatore del MINI Challenge Italia, nel monomarca Renault mancava dal settembre 2017, anno in cui si laureò campione della serie sempre con Melatini Racing. Vittoria che ottenne proprio sul circuito del Santerno.

A completare il podio di Imola sono stati nell’ordine uno straordinario Giacomo Trebbi (Explorer Motorsport) ed un ottimo Aldo Cesare Ponti, terzo con la Faro Racing,

Al via Gustavo Sandrucci parte bene dalla pole, con Aldo Cesare Ponti dietro impegnato a tener dietro il leader della classifica Massimiliano Danetti. Cristian Ricciarini, scattato dal fondo della griglia, inizia a rimontare posizioni, per conquistare il titolo costretto a finire davanti proprio a Danetti. In quarta e quinta posizione transitano nell’ordine Giacomo Trebbi e Giulio Bensi.

Alla Villeneuve nel corso del secondo giro si gira Pierluigi Sturla, mentre Sandrucci non riesce a staccare il gruppo. Dopo due tornate Ricciarini intanto è già alle spalle dei primi cinque.

A un quarto d’ora dal termine Ricciarini supera sia Bensi che Trebbi portandosi quarto proprio dietro a Danetti. Ricciarini attacca anche Danetti. In gioco c’è il titolo. Poi l’attacco di Ricciarini alla Tosa ed il contatto tra i due. Ricciarini si ribalta, mentre Danetti riesce a ripartire ed è automaticamente campione.

Entra in pista la safety car e a sei minuti dalla fine si riparte. Ottimo lo spunto di Ponti, che passa subito Sandrucci. Danetti invece si insabbia al Tamburello e questa volta si ritira. Poco dopo Sandrucci si riprende la posizione di testa. Ci riprova Ponti e Sandrucci fa anche una breve escursione sulla ghiaia del Tamburello, pur mantenendo la sua leadership. Poi Ponti cede il secondo posto a Trebbi. Nel corso dell’ultimo giro Ercole Cipolla fa un testacoda alla Villeneuve e riprende. Davanti nessuno può più impensierire Sandrucci, che va a raccogliere così un meritato successo.

Share Button