European Le Mans Series
Cetilar a denti stretti
Photo Credit: Abrantes

Cetilar a denti stretti

Quello che si è concluso è stato un fine settimana complicato per la scuderia Cetilar Villorba Corse. Nel quarto round della European Le Mans Series, il team guidato da Raimondo Amadio ha concluso a denti stretti la 4 Ore di Silverstone. Al traguardo, Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Felipe Nasr hanno avuto noie elettroniche sulla Dallara P217 di classe LMP2.

Le prove erano andate bene: terzo tempo, e primo fra le Dallara. In gara, dopo un buono scatto di Sernagiotto dalla partenza, il team ha però subito registrato inconvenienti che hanno costretto più volte ai box il prototipo. Dopo aver cambiato numerosi elementi e aver perso quasi un’ora ai box, la situazione si è risolta con la sostituzione del sensore dell’acceleratore. Nonostante tutto, il team ha comunque deciso di ripartire per onorare il campionato e il proprio ruolo di competitor.

“Torniamo da Silverstone con molto meno di quanto avremmo voluto raccogliere – ha detto Raimondo Amadio – purtroppo le gare sono anche queste e i problemi elettronici in vetture con tale grado di complessità non sono facili, e soprattutto veloci, da risolvere. Malgrado ciò, cerchiamo di cogliere il positivo del weekend, che ha visto un piccolo step in avanti a livello di competitività. Peccato per la qualifica di Felipe, meritava di più, poi in gara i tre piloti hanno condotto stint consistenti e con decisi riscontri cronometrici, confermando una buona competitività sul passo gara. La classifica assoluta era ormai fuori dalla nostra portata, ma l’aver concluso al traguardo è stata un’ottima reazione da parte dell’intera squadra”.

Share Button