Porsche Mobil 1 Supercup
Cerqui migliore italiano

Cerqui migliore italiano

Esordio senza dubbio positivo per Alberto Cerqui che sul circuito del Montmelò di Barcellona ha centrato il terzo posto tra i rookie, l’ottava posizione assoluta, ed è stato il migliore degli italiani nella gara inaugurale della Porsche Mobil 1 Supercup 2018.

Il driver bresciano, al volante della Porsche 911 GT3 della Dinamic Motorsport, ha dimostrato grande determinazione nella prima uscita del più importante campionato al mondo riservato alle berlinette di Stoccarda che ha confermato il consueto elevatissimo livello con tanti piloti racchiusi in pochi decimi.

Primo italiano al traguardo, dunque, Cerqui ha dimostrato di avere il passo per figurare tra i protagonisti, nel corso di una corsa intensa come evento di supporto del Gran Premio di Spagna di Formula 1.

Il driver lombardo ha sfruttato il turno di prove libere del venerdì per perfezionare sia il suo adattamento alla vettura sia l’approccio alla veloce e tecnica pista catalana, determinato a mettersi in luce nelle qualifiche. Nella serrata sessione che ha determinato la griglia di partenza, con ben 13 piloti racchiusi in meno di un secondo, Cerqui ha fermato i cronometri con un ottimo 1’47”.932 che gli è valso il nono tempo a meno di sette decimi dalla pole.

Alla sua prima partenza da fermo dopo diversi anni di start lanciati, Cerqui ha trovato un ottimo spunto che gli ha permesso di arrivare alla prima staccata nel gruppetto dei primi dieci.
Nella bagarre dei primi giri, il pilota italiano ha cercato di tenersi con esperienza lontano dai guai, in una fase che con continui cambi di posizione e alcuni spettacolari sorpassi lo hanno visto salire all’ottavo posto. Negli ultimi giri, l’alfiere di Dinamic Motorsport si è reso protagonista di una battaglia a tre con il britannico Josh Webster e con Mattia Drudi. Cerqui ha, così, difeso la posizione dagli attacchi di Webster fin sotto alla bandiera a scacchi dove ha conquistato il primo podio con il terzo posto tra i rookie e l’ottava posizione assoluta.

“Sono molto contento, è stata una gara vera e tosta dove il ritmo è stato altissimo dal primo all’ultimo giro – ha sottolineato Cerqui – avrei potuto azzardare qualcosa per scalare qualche posizione, ma commettere errori era molto facile e ho preferito non correre il rischio di buttare via il risultato per qualche leggerezza. Il mio feeling con la macchina è cresciuto di giro in giro, sono stato un po’ cauto nella prima fase per provare a sfruttare le gomme negli ultimi giri, ma le due safety car hanno di fatto evitato il degrado degli pneumatici e quindi alla fine anche gli avversari hanno potuto contare su un discreto grip. Fra due giorni sarò a Spa-Francorchamps per una sessione di test che mi servirà per prendere ancora più confidenza con la Porsche 911 GT3, il livello del campionato è molto alto e limare anche pochi decimi può fare davvero una grande differenza”.

Alberto Cerqui tornerà in pista per la gara più emozionante della stagione, sul tracciato di Monaco dal 25 al 27 maggio prossimi.

Share Button