International GT Open
Beretta e Schandorff sotto la pioggia

Beretta e Schandorff sotto la pioggia

Michele Beretta e Frederik Schandorff hanno conquistato la vittoria nella prima delle due gare del Red Bull Ring dell’International GT Open, portando a quattro il numero dei successi ottenuti quest’anno con la Lamborghini del team Vincenzo Sospiri Racing. Una prima gara che si è conclusa con la bandiera rossa dopo che l’intensificarsi della pioggia a sei minuti dal termine aveva causato l’uscita di pista di numerose vetture, inclusa quella dello stesso Schandorff che si trovava in quel momento al volante. Seconda la Aston Martin della TF Sport divisa da Sam De Haan e Charlie Eastwood. Terzo posto e vittoria in Pro-Am di Nick Moss e Joe Osborne, che aveva ottenuto la pole con la McLaren della Inception Racing.

Al via Osborne non ha difficoltà a portarsi al comando. Alle sue spalle c’è la Lamborghini di Beretta, che difende la seconda posizione dalla Porsche di Andy Soucek. Nico Bastian, con la Mercedes di AKM Motorsport, risale al quinto posto andando ad occupare la seconda posizione della classe Pro-Am ma dovendosi guardare dall’altra Huracán GT3 Evo del Vincenzo Sospiri Racing guidata da Yuki Nemoto che in seguito riesce ad avere la meglio.

Beretta, primo della classe Pro, si mantiene a un paio di secondi da Osborne. Nel frattempo Nemoto supera pure la Aston Martin di De Haan guadagnando il quarto posto. Al giapponese vengono dati tre secondi di penalità per avere tratto vantaggio andando oltre i limiti della pista.

In coincidenza con le soste, Bastian supera De Haan che rientra subito ai box. Poi cambiano anche tutti gli altri. Dopo le soste Moss mantiene il comando con la McLaren della Inception Racing. Alle sue spalle Baptiste Moulin, che ha preso il posto di Nemoto. Il belga viene poi superato dal suo compagno di squadra Schandorff, salito in macchina al posto di Beretta.

Sesto posto e secondo della Pro-Am per Florian Scholze, alle spalle di Eastwood, che ha rilevato De Haan sulla Aston Martin.

Inizia a piovere e a 16’24” dalla fine Schandorff balza in testa. A nove minuti dal termine, con la pista sempre più bagnata, Moulin effettua la sosta per cambiare le gomme. Stessa scelta che viene effettuata da Ollie Millroy, in quel momento quarto, ma rallentato nel suo pit-stop da un problema all’avvitaggio dell’anteriore destra.

A sei minuti dalla fine al tornantino si girano praticamente tutti. Il primo a finire dritto è proprio Schandorff. Ma viene esposta la bandiera rossa e Schandorff è lo stesso vincitore. Punti importanti quelli conquistati dal danese e da Beretta, che rafforzano così la propria leadership nella classifica.

 

INTERNATIONAL GT OPEN
Red Bull Ring, 11 settembre 2021

Gara 1
1. Michele Beretta – Frederik Schandorff (Lamborghini Huracán GT3 Evo / VSR) 39 giri 1:01:24.125
2. San De Haan – Charlie Eastwood (Aston Martin AMR GT / TF Sport) +10.609
3. Nick Moss – Joe Osborne (McLaren 720S GT3 / Inception Racing) +15.014
4. Al Faisal Al Zubair – Andy Soucek (Porsche 911 GT3 R / Lechner Racing) +21.139
5. Brendan Iribe – Ollie Millroy (McLaren 720S GT3 / Inception Racing) +34.404
6. Nico Bastian – Florian Scholze (Mercedes-AMG GT3 / AKM Motorsport) +41.110
7. Karol Basz – Marcin Jedlinski (Mercedes-AMG GT3 / Olimp Racing) +50.542
8. Baptiste Moulin – Yuki Nemoto (Lamborghini Huracán GT3 Evo / VSR) +50.740
9. Jens Reno Møller – Marcus Påverud (Honda NSX GT3 Evo / Reno Racing) +51.339
10. Shaun Balfe – Adam Carroll (Audi R8 LMS GT3 / Balfe Motorsport) +54.072
11. Gerhard Tweraser – Jan Seyffert (HP Racing International) +1:00.300
12. Mario Hirsch – Dominik Schraml (Mercedes-AMG GT3 / Twin Busch by Equipe Vitesse) +1 giro
13. Stanislaw Jedlinski – Krystian Korzeniowski (Mercedes-AMG GT3 / Olimp Racing) +5 giri

Share Button