6 Ore di Roma
Audi vince la 6 Ore di Roma
Photo Credit: Actualfoto

Audi vince la 6 Ore di Roma

La 6 Ore di Roma 2020 verrà ricordata per uno dei finali più combattuti della storia di questa competizione, che dal lontano 1991 è organizzata e promossa dal Gruppo Peroni Race.

Dopo aver percorso la bellezza di 213 giri, Riccardo Agostini ha portato l’equipaggio di Audi Sport Italia completato da Lorenzo Ferrari e Sean Hudspeth sul gradino più alto del podio, al termine di una battaglia al cardiopalma con Raffaele Giammaria (Lamborghini – Drive Test Motorsport). Terzo l’equipaggio della AKM Motorsport formato da Gianluca Giraudi, Pierluigi Alessandri e Francesca Linossi (la più veloce dei tre in qualifica, quando ottenuto la seconda fila), sulla Mercedes-AMG GT3. Nella Silver Cup ad avere la meglio è stata la Mitjet di The Club Motorsport.

1. ora. Brivido subito per la R8 LMS di Hudspeth, che al Curvone rimane ferma a pochi istanti dal via della gara. La Lamborghini è invece al comando, ma in regime di Full Course Yellow la vettura della Drive Test Motorsport viene penalizzata di 10’’ per non aver rispettato i tempi di settore. Allo scadere dei primi 60 minuti l’equipaggio composto da Luigi Moccia, Massimo Torre e Giammaria si trova comunque in testa, inseguito dalla Ferrari della RS Racing. La Audi inizia a mettere in atto la propria rimonta, risalendo fino alla terza posizione.

2. ora. Allo scoccare della seconda la Lamborghini guida lo schieramento con Giammaria al volante, mentre l’Audi R8 LMS continua a recuperare e si porta alle spalle della vettura di Sant’Agata Bolognese con un distacco di oltre 1’20’’. La Ferrari 488 marchiata RS Racing prosegue stabilmente in terza posizione, seguita dalla Mercedes-AMG GT3 del terzetto Linossi-Giraudi-Alessandri e la Porsche 911 GT3 del team Krypton Motorsport. Nel frattempo, nella Silver Cup, la Lotus Elise divisa da Luca Maria Attianese, Franco Nespoli e Maurizio Fortina viene frenata da un problema dopo aver completato 27 giri.

3. ora. La Lamborghini #63 a causa di un problema al freno dell’anteriore destra è costretta a una sosta prolungata ai box. Ad approfittarne è l’Audi R8 di Hudspeth-Agostini-Ferrari, che si appropria della prima posizione seguita dalla Mercedes di AKM Motorsport. L’uscita di pista di Piergiacomo Randazzo (Krypton Motorsport) innesca una FCY. Perde posizioni a causa di un errore anche la Ferrari #25 di RS Racing, precipitando così in nona posizione. Nella Silver Cup la Mitjet di The Club Motorsport continua a comandare, mentre la Lotus Exige rimane ferma ai box.

4. ora. La safety car causata dall’uscita di pista alla curva Roma di una delle due Porsche della GDL Racing neutralizza il vantaggio guadagnato dalla Lamborghini #63 che, nel frattempo, si è riportata in testa. L’Audi R8 riprende a tallonare la propria diretta antagonista, chiudendo la quarta ora con un lieve gap. Terza posizione per la Mercedes di AKM Motorsport, solida e stabile, davanti alla Ferrari 488 Challenge di SR & R: l’equipe Luca De Marchi, Antoine Bottiroli, Carrie Schreiner e Mikkel Mac precede la Porsche del team di Gianluca De Lorenzi. Nel frattempo Stefano D’Aste riesce a portare la sua Lotus in sesta posizione.

5. ora. Audi si riappropria di forza della testa della corsa malgrado le avversità tra problemi tecnici e una foratura. Alle loro spalle sempre la Lamborghini e la Mercedes di AKM Motorsport. D’Aste continua la sua cavalcata che lo vede portarsi in quinta posizione assoluta.

6. ora. Un finale esaltante ha visto battagliare la R8 e la Huracán per oltre 45’. In occasione dell’ultimo e intenso stint i due team si affidano rispettivamente al padovano Agostini e a Giammaria. È battaglia senza esclusione di colpi tra i due fino al traguardo, dove Agostini chiude con appena 469 millesimi di vantaggio sul rivale. Terza posizione assoluta per il trio targato AKM Motorsport.

 

6 Ore di Roma

Vallelunga, 13 dicembre 2020

Gara

  1. Riccardo Agostini / Lorenzo Ferrari / Sean Hudspeth (Audi R8 LMS GT3 / Audi Sport Italia) 6:01:00.380, 213 giri
  2. Raffaele Giammaria / Luigi Moccia / Massimo Torre (Lamborghini Huracán GT3 Evo / DTM ) 0.469
  3. Piergluigi Alessandri / Gianluca Giraudi / Francesca Linossi (Mercedes-AMG GT3 Evo / AKM Motorsport) 1 giro
  4. Antoine Bottiroli / Luca De Marchi / Mikkel Mac / Carrie Schreiner (Ferrari 488 Challenge / RS & R) 16 giri
  5. Daniele Di Amato / Christian Kinch / Gianmarco Quaresmini / Alex Sartingen (Ferrari 488 GT3 / RS Racing) 17 giri
  6. Stefano D’Aste / Daniel Grimaldi / Vito Utzieri (Lotus Exige / PB Racing) 19 giri
  7. Massimiliano Donzelli / Maurizio Fondi / Max Montagnese/ Roberto Rayneri (Porsche 911 GT3 Cup / GDL Racing) 20 giri
  8. Walo Bertschinger / Marcel Fassler / Dario Tosolini (Porsche 911 GT3 Cup / Bertschinger) 23 giri
  9. Marsilio Canuti / Francesco Malvestiti / Riccardo Romagnoli (Mitjet / The Club Motorsport) 87 giri

Non classificati

Mario Cordoni / Maurizio Fratti / Philip Miemois / Gianpiero Pindari (Porsche 911 GT3 Cup / GDL Racing), Diego Locanto / Luca Pastorelli / Piergiacomo Randazzo (Porsche 911 GT3 Cup / Krypton Motorsport), Luca Maria Attianese / Maurizio Fortina / Franco Nespoli (Lotus Elise / PB Racing)

Giro più veloce: Raffaele Giammaria (Lamborghini Huracán GT3 Evo / DTM) 1:31.655, 173° giro

Share Button