Italiano Prototipi
A Monza Pegoraro fa il bis

A Monza Pegoraro fa il bis

Al termine di una gara ancora una volta una gara piena di sorpassi si è conclusa a Monza la tappa inaugurale del Campionato Italiano Sport Prototipi, per la prima volta nella sua storia riservata alle Wolf GB08 Thunder motorizzate Aprilia RSV4.
Proprio come già avvenuto sabato è ancora una volta Lorenzo Pegoraro a mettere in riga tutta la concorrenza grazie innanzitutto ad una partenza che ha subito neutralizzato l’incognita della griglia invertita nelle prime sei posizioni di Gara 1 e poi ad un sorpasso al primo giro su Davide Uboldi partito dalla pole position dopo il sesto posto di ieri.
Il passo del pilota ternano di Best Lap diventa subito inavvicinabile per la concorrenza che resta a distanza e tutta in bagarre.
A spuntarla per il secondo posto è Simone Riccitelli che, a soli 15 anni ed al primo weekend di gara in automobilismo, è riuscito a districarsi tra le scintille in pista e ad avere la meglio su avversari anche più esperti.
Da incorniciare anche il terzo posto di Matteo Pollini che, dopo essere salito sulla vettura usata dal cugino Giacomo Pollini in Gara 1, è subito protagonista del gruppo di testa nonostante i pochi km percorsi solo nelle prove libere.
Con solo sei decimi di ritardo dal terzo gradino del podio, Claudio Giudice (Scuderia Giudici) è autore di una rimonta furiosa dalla decima posizione in griglia e chiude così ottimo quarto firmando anche il giro più veloce, mentre dopo un avvio in salita Gianluca Carboni è riuscito a conquistare la quinta posizione sulla seconda “rossa” di Best Lap al traguardo.
Ancora una volta primo per la classifica Master e grande protagonista della bagarre Stefano Attianese (Bad Wolves) è sesto assoluto dopo aver dovuto difendersi fino all’ultimo giro da Andrea Gagliardini (Best Lap), tra i più scatenati nella lotta e poi costretto al ritiro proprio nei chilometri finali.

Completano una Top-10 che per tutta la gara ha lottato fianco a fianco, Shahin Mobine (Bad Wolves), Uboldi e Simone Borelli nei colori BF Motorsport, Mikhail Spiridonov, mentre a seguire sul traguardo sono Ron Eckardt (Bad Wolves), Gian Marco Gamberini (AB Racing) e Nicola Neri (Kinetic Racing Team).
Tra i protagonisti della lotta iniziale del gruppo di testa, ma costretti al ritiro, Dario Capitanio (Best Lap) e Mirko Zanardini (Ac Racing) e Jesse Menczer (Bad Wolves) entrambi dopo un contatto con lo svedese Simon Hultén (RPM RacePromote Scandinavia), poi penalizzato nel dopo gara.

Share Button