EuroV8 Series
A Brno, Solaris cerca il riscatto
Photo Credit: Photo4

A Brno, Solaris cerca il riscatto

Parte da Brno, in Repubblica Ceca, il girone di ritorno dell’EuroV8Series e la Solaris Motorsport punta a continuare l’ottima prima parte di stagione che l’ha vista salire sul podio ben sei volte in sei gare, conquistando anche la vittoria in Gara 1 a Vallelunga con la Chevrolet Camaro di Francesco Sini. Proprio la “muscle car” americana sarà nuovamente protagonista del weekend ceco, decisa a rifarsi dopo la sfortunata uscita di pista del Mugello che aveva costretto “Ringhio” ad abdicare la leadership della classifica piloti. L’obiettivo dichiarato di team e pilota è ritornare in testa alla serie puntando alla vittoria nelle gare.

Siamo decisamente carichi per questo weekend! Dopo il Mugello abbiamo tanta voglia di riscattarci per lottare ancora per il titolo. In queste ultime settimane abbiamo lavorato senza sosta per risistemare la Camaro, un grande sforzo da parte dei miei meccanici che spero di poter ripagare con un’importante vittoria! Sarebbe bello tornare al comando della classifica per le “ferie estive”. – ha commentato Sini, prima di partire per la Repubblica Ceca.

La Camaro aveva già ben figurato su questa pista lo scorso anno, quando il secondo posto in gara sfumò a causa di un contatto che non oscurò però le ottime perfomance messe in pista. Questa volta la “Principessa” (così viene soprannominata dal team la vettura americana) potrà correre completamente scarica da ogni zavorra, un buon vantaggio che dovrà comunque scontrarsi con l’idolo di casa Tomas Kostka e le sempre temibili Mercedes e BMW.

Dopo il crash di gara 2 al Mugello, nelle ultime tre settimane i tecnici della Solaris Motorsport hanno lavorato giorno e notte contro il tempo per ricostruire la Camaro, uscita piuttosto malconcia dalla tappa toscana. Un lavoro e una dedizione che non sono passati inosservati agli occhi di Roberto Sini, Team Principal della squadra, che ha voluto così ringraziare i suoi uomini: I ragazzi hanno fatto un lavoro straordinario, si sono impegnati senza sosta per giorni e hanno ultimato la vettura giusto in tempo per partire per Brno. Purtroppo i pezzi di ricambio dovevano arrivare dagli USA e questo ha ulteriormente allungato i tempi, ma i nostri tecnici sono stati capaci di fare un piccolo miracolo! È grazie a loro che ora possiamo scendere in pista e per ripagare tutti i loro sforzi dobbiamo puntare a tornare di nuovo in testa al campionato. Non ci dispiacerebbe affatto andare in Germania da primi della classe“.

Share Button