WEC
6H Monza: Ferrari da leader in GT
Photo Credit: Fabio Taccola

6H Monza: Ferrari da leader in GT

Ferrari cerca conferme nella 6 Ore di Monza, terzo dei sei appuntamenti del Mondiale FIA WEC in programma questo fine settimana. Sulla pista di casa l’obiettivo sarà infatti quello di confermare la leadership nelle due classi GT.

Nella LMGTE Pro a guidare è il binomio della AF Corse composto da Alessandro Pier Guidi e James Calado, che arrivano sul circuito brianzolo dopo avere vinto la 8 Ore di Portimão e con sei punti di vantaggio sul duo della Porsche formato da Kévin Estre e Neel Jani.

Finalmente il WEC sbarca in Italia e correre davanti al nostro pubblico offre motivazioni speciali a chi guida una Ferrari – ha commentato Pier Guidi – Possiamo fare bene perché la 488 GTE si adatta a questa pista. Abbiamo preparato la gara al simulatore e lavoreremo sui dettagli nelle libere. Dovremo essere bravi a trovare un buon bilanciamento tra carico aerodinamico e velocità in rettilineo. Arriviamo in testa al campionato e sono fiducioso di riuscire a mantenere la posizione al termine delle sei ore“.

Con il secondo posto conquistato in Portogallo con l’altra Ferrari della AF Corse, Daniel Serra e Miguel Molina puntano adesso a colmare il divario di 14 punti che li separa dalla vetta della classifica.

A un mese di distanza dalla gara dell’Algarve in cui il team Cetilar Racing ha portato al successo di classe la Ferrari 488 GTE numero 47, centrando la prima vittoria in assoluto nel Campionato Mondiale Endurance FIA WEC, Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Antonio Fuoco sono pronti ad affrontare quella che per loro rappresenta senz’altro, assieme alla 24 Ore di Le Mans, la gara più importante di tutta la stagione da leader della LMGTE Am.

Una 6 Ore molto speciale per la squadra “all made in Italy” quella che si prospetta fin d’ora, in un’atmosfera che sarà resa ancora più magica dalla presenza del pubblico che finalmente potrà varcare i cancelli del circuito.

Unica tappa italiana del calendario, la gara brianzola segna il cosiddetto punto di non ritorno del campionato, essendo il terzo dei sei round totali, precedendo di 34 giorni proprio la 24 Ore di Le Mans, a cui Cetilar Racing quest’anno prenderà parte per la quinta volta di fila. Un calendario recentemente rinnovato quello del FIA WEC 2021, con la cancellazione della trasferta del Fuji, inizialmente in programma il 26 settembre e rimpiazzata da una 6 Ore da disputarsi alla fine di ottobre in Bahrain (scenario anche del conclusivo round). 

A Monza intanto l’ultima apparizione del team italiano risale al 2019, nell’European Le Mans Series. Dal passato al presente. Quello che racconta un inizio di stagione sicuramente molto positivo per Lacorte, Sernagiotto e Fuoco, al loro primo anno con la Ferrari 488 GTE gestita sempre dalla AF Corse. L’esordio a Spa-Francorchamps, a inizio maggio, e subito il terzo piazzamento di classe. Poi la trasferta dello scorso mese, sul circuito dell’Algarve (dove tra l’altro Fuoco non ci aveva mai messo piede prima di allora), il terzo miglior tempo di classe ottenuto in qualifica da Lacorte, una gara impeccabile condita da una strategia perfetta ed il sorpasso di Sernagiotto, che intorno alla sesta ora ha definitivamente preso il comando della corsa.

Nella classifica della LMGTE Am, l’equipaggio Cetilar Racing arriva sulla propria pista di casa con 53 punti, 18 in più rispetto al trio Giancarlo Fisichella, Francesco Castellacci e Thomas Flohr, puntando naturalmente a rafforzare il proprio primato.

Per noi questa è una tappa importantissima per diverse ragioni – ha commentato Lacorte – La prima è che il campionato del mondo Endurance torna in Italia e ciò rappresenta anche un motivo d’orgoglio per un team completamente italiano come il nostro. Poi per il fatto che dopo mesi di totale chiusura al pubblico, per la prima volta ci saranno degli spettatori con cui siamo veramente felici di tornare ad avere un contatto diretto. Inoltre ci presentiamo a Monza da leader e quindi con delle responsabilità importanti e la voglia di continuare a fare bene. Infine questa è la gara che precede la 24 Ore di Le Mans e che si disputa sul circuito sicuramente più adatto per prepararci al “big event” dell’anno“.

Sempre nella classe LMGTE Am bisognerà tener d’occhio anche Matteo Cairoli e Riccardo Pera, dopo il secondo posto di Portimão risaliti terzi in classifica con la Porsche 911 RSR del Team Project 1 divisa assieme al norvegese Egidio Perfetti e adesso a 25 punti dall’equipaggio Cetilar Racing.

Share Button