24 Ore di Dubai
24H Dubai sotto il diluvio: bandiera rossa
Photo Credit: 24H Series

24H Dubai sotto il diluvio: bandiera rossa

Si abbatte la tempesta sulla 24 Ore di Dubai, stoppata con la bandiera rossa poco prima della settima ora. Mentre scriviamo gli organizzatori devono ancora comunicare il nuovo timetable e le vetture sono tutte parcheggiate lungo il rettilineo.

Al momento dell’interruzione al comando si trovava la Mercedes del Black Falcon guidata da Khaled Al Qubaisi. Subito dietro, entrambe a pieni giri, le due Audi di Dimitri Parhofer (Car Collection Motorsport) e Mohammed Saud Fahad Al Saud (MS7 by WRT).

Spettacolare la prima fase della gara, con 65 equipaggi che hanno animato la corsa fin dall’inizio. Al comando si è portata inizialmente la Porsche di Sven Müller, poi passata dalla Mercedes di Maximilian Buhk, mentre l’altra AMG-GT3 del poleman Maro Engel è scivolata settima.

Ottima rimonta iniziale di Dennis Lind, che allo scadere della prima ora ha portato la Lamborghini della Barwell Motorsport al terzo posto, a tre secondi circa da Müller. Il tedesco quasi nello stesso istante si è fatto sempre più minaccioso nei confronti di Buhk, approfittando anche di un gruppo di doppiati per portarsi mella scia della Mercedes. 

Subito fuori per un contatto che ha provocato il primo code 60 la Porsche della GPX Racing guidata da Dirk Werner. Un inconveniente nelle fasi iniziali ha inoltre costretto Stefano D’Aste a riportare ai box la Lotus Exige della PB Racing.

Con le prime soste la situazione è radicalmente cambiata. Al comando è subentrata l’altra Mercedes della SPS Automotive Performance guidata da Valentin Pierburg. Lind ha effettuato il pit-stop, proseguendo per un altro stint e guadagnando la seconda posizione. Terza la Porsche della Herberth Motorsport si cui è salito Ralf Bohn. Poi ancora un cambio di guardia, con Lind balzato in testa e la Porsche di Dinamic Motorsport seconda e prima della Am con Christopher Zochling.

Dopo un’ora e 55’ il secondo code 60 e poi la safety car causata dalla BMW di Eric Zimmermann (fun-M Motorsport) ferma all’ingresso del rettilineo dopo essere finita contro le barriere danneggiandole. In quel momento Lind ha lasciato il volante a Adrian Amstutz. Lo svizzero ha fatto egregiamente il suo lavoro, finendo il suo stint secondo dietro alla Audi di Michael Vergers che nel frattempo si è issata in testa e poi lasciando l’abitacolo a Patrick Kujala che si è riportato al comando, ma quando è salito Jordan Witt la gialla Lamborghini della squadra inglese è retrocessa settima.

Una quindicina sono stati i cambi di leadership. Nella categoria TCR in testa c’è la Audi della AC Motorsport guidata da Matthew Taskinen. Terza una delle due Golf dell’Autorama condotta da Alberto Vescovi. Settima tra le TCR l’altra Volkswagen della squadra svizzera con cui Felice Jelmini fa il suo debutto nella gara degli Emirati Arabi.

Results

  Driver Team Time Download Results
Race after 4H Khaled Al Qubaisi Black Falcon (Mercedes) 168 laps »
Qualifying Maro Engel 1:57.490 Toksport WRT (Mercedes) »
Share Button