24 Ore di Dubai
Al via la nona edizione della 24 Ore di Dubai

Al via la nona edizione della 24 Ore di Dubai

Questa settimana (9-11 gennaio) il Dubai Autodrome ospiterà nuovamente il primo appuntamento endurance dell’anno aperto sia alle vetture GT che alle Turismo in configurazione 24 Hours Special. Con una partecipazione di team e piloti provenienti rispettivamente da 18 e differenti paesi e 40 nazioni, la 24 Ore di Dubai 2014 (organizzata dalla Creventic in collaborazione con la Dutch National Racing Team e Dubai Autodrome) si conferma ancora una volta di grande interesse.

28 sono le vetture presenti solo nella classe AS riservata alle GT3. Il team Abu Dhabi by Black Falcon, che ha ottenuto il successo nelle due precedenti edizioni, è alla ricerca di un’altra affermazione e per questo schiererà al via due Mercedes-Benz SLS AMG affidandole tra gli altri al locale Khaled Al Qubaisi, al cinque volte campione del DTM Bernd Schneider e a Jeroen Bleekemolen, il pilota che fino ad ora ha conseguito maggiori vittorie alla 24 Ore di Dubai. Altre identiche vetture saranno portate in pista dall’italiana GDL Racing e dalle squadre tedesche Car Collection Motorsport e ALLLINK.COM Münnich Motorsport, quest’ultimo campione FIA GT 2012, che potrà contare sull’esperienza di Marc Basseng e dell’iridato WTCC Rob Huff.

L’SX Team Schubert, che già in passato aveva anch’esso conquistato una vittoria nella 24 Ore di Dubai, schiererà invece una BMW Z4 GT3 e avrà tra i suoi piloti di punta Dirk Werner. Un’altra vettura della Casa bavarese sarà ancora presente nei colori dell’altro team tedesco Walkenhorst Motorsport.

Il team Swiss FACH Auto Tech, che lo scorso anno si è imposto nella classe A6 AM, tornerà con due 997 GT3 R, una di esse per il pilota junior Porsche Connor de Philippi. Crubilé Sport, Stadler Motorsport e Attempto Racing (con cui sarà presente il giovane Alex Riberas) saranno anch’essi al via con le Porsche GT3.

I colori Ferrari saranno invece rappresentati da Spirit of Race, Ram Team, Race Alliance, Visiom, Dragon Racing e GT Corse. Il team di Hong Kong Craft Racing AMR schiererà due Aston Martin, mentre il team belga AF Racing International e la tedesca Leipert Motorsport punteranno tutto sulle Lamborghini Gallardo. Gli inglesi del Team LNT avranno a disposizione una Ginetta G55 GT3. I team olandesi V8 Racing e Manor MP Motorsport schieranno rispettivamente una Chevrolet Corvette C6-R ed una Dodge Viper.

Una dozzina le vetture al via della classe Porsche Cup. I tedeschi della MRS GT Racing porteranno in pista una 991 Cup sui cui si darà il cambio anche il quattro volte campione della Porsche Supercup Patrick Huisman. Le altre squadre presenti nello stesso raggruppamento saranno la GDL Racing, Förch Racing by Lukas Motorsport, Black Falcon, Car Collection, Speedlover, Motorsport Services/STR e Parker Racing Ltd, tutti al via con le 997.

Nella classe SP2 saranno presenti un paio di Nissan 370Z del Nissan GT Academy Team RJN, una Mosler MT900 (Gravity Racing International), una Renault Mégane Trophy del team belga Boutsen Ginion Racing e tre nei colori della GC Automobiles.

Tre le Ginetta (Optimum Motorsport, Speedworks e Nova Race) che si confronteranno nella classe SP3 con una Audi R8 della Red Camel-Jordans.nl, l’Aston Martin del team Perfection Racing Europe, la Bmw M3 GT4 della Bonk Motorsport e la Lotus Evora della Cor Eurser Racing.

Come di consueto la classe A5 sarà un discorso tutto tra le BMW dei team Sorg Rennsport, Hofor-Kueperracing, Black Falcon, JR Motorsport, RTR Projects e Duwo Racing.

Diverse le Seat León Supercopa presenti nella classe A3T ed iscritte dalla Motorsport Services, Memac Ogilvy Duel Racing, Pfister Racing, Prefa Racing Team e Grove & Dean Motorsport. Tra le loro avversarie ci saranno le due Volkswagen Golf TDI del team polacco Förch Racing by Lukas Motorsport e quella del Racingdivas Team Schubert che ha ottenuto il successo nel 2013 e potrà contare su un’equipaggio interamente femminile.

Totale varietà di vetture nella classe A2 in cui si annoverano cinque Renault Clio nei colori di AD Racing/K-Rejser, Speedlover, APO Sport e Modena Motorsports, due Honda (Lap 57 e VDS Racing Adventures), una Mini John Cooper Works Endurance (Racing 4 Friends) e una Suzuki Swift (QMMF). Non per ultima la classe D1 Diesel che vedrà al via una Seat León TDI (Red Camel-Jordans.nl), una Volkswagen Golf TDI (KPM Racing) e tre BMW 120D schierate dai team SVDP Racing, Recy Racing Team e Cor Euser Racing.

La 24 Ore di Dubai entrerà nel vivo a partire da mercoledì 8 gennaio con le prove libere non ufficiali in programma dalle 13 alle 17 ora locale. Due i turni di prove libere ufficiali in programma giovedì 9 (dalle 11 alle 12.15 e dalle 13.15 alle 14.45), seguiti dalle tre sessioni di qualifiche (dalle 15 alle 16 per tutte le classi, dalle 16 alle 16.45 per le classi A1-A5, D1, D2, A3T e SP3, dalle 17 alle 17.30 per le classi A5, SP2 e 997) e dalla sessione di prove ufficiali in notturna che si svolgerà dalle ore 18 alle 20. Venerdì 10 gennaio si comincerà con la sessione di warm-up (dalle ore 10 alle 11), mentre la gara scatterà alle 14 per concludersi allo stesso orario di sabato 11 gennaio.

Share Button